Speed Racer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Speed Racer
SpeedRacerSnapshot.JPG
Una scena del film.
Titolo originale Speed Racer
Paese di produzione USA
Anno 2008
Durata 135 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.55 : 1
Genere azione
Regia Andy Wachowski, Larry Wachowski
Soggetto Tatsuo Yoshida (serie animata)
Sceneggiatura Andy Wachowski, Larry Wachowski
Produttore Joel Silver, Andy Wachowski, Larry Wachowski, Grant Hill
Produttore esecutivo Danid Lane Seltzer, Michael Lambert, Bruce Berman
Art director Marco Bittner Rosser, Anja Muller
Fotografia David Tattersall
Montaggio Roger Barton, Zach Staenberg
Effetti speciali Industrial Light & Magic, Digital Domain, Sony Imageworks
Musiche Michael Giacchino
Scenografia Peter Walpole
Costumi Kym Barrett
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Speed Racer è un film dei fratelli Wachowski del 2008, trasposizione cinematografica della serie animata Speed Racer, remake americano dell'anime giapponese Mach Go! Go! Go! degli anni sessanta. Il film racconta la storia di un giovane pilota, Speed Racer, intenzionato a vincere con la Mach 5, una macchina da corsa realizzata dal padre, dotata di una serie di accessori e gadget elettronici del tutto particolari.

Il film è uscito nelle sale italiane il 9 maggio 2008.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Speed Racer (Emile Hirsch) è un diciottenne la cui più grande passione sono sempre state le corse automobilistiche. Le corse in realtà sono nel suo DNA dato che suo padre (John Goodman) e sua madre (Susan Sarandon), gestiscono una piccola officina per auto da corsa, insieme al fratello minore Spritle (Paulie Litt), al meccanico Sparky (Kick Gurry) e la fidanzata Trixie (Christina Ricci). Da bambino Speed adorava il fratello maggiore e pilota record Rex Racer (Scott Porter), cacciato dalla famiglia, divenuto uno dei più scorretti piloti e morto durante una gara di rally, la Casa Cristo nota proprio per la sua pericolosità.

Grazie alla sua abilità alla guida della sua Mach 5 (macchina del fratello) progettata dal padre, diventa molto richiesto nel mondo delle corse, benché i suoi valori principali rimangano la correttezza alla guida e la tranquillità della propria famiglia.

Speed riceve l'allettante proposta di Mr. Royalton (Roger Allam), proprietario del conglomerato Royalton Industries, affinché entri a far parte della sua scuderia. Conoscendo le intenzioni e gli interessi di Royalton, Speed rifiuta, ma ben presto si troverà a dover affrontare la realtà. Il mondo delle corse, da lui tanto sognato, infatti è fatto di corruzione e le gare sono decise a tavolino in base agli interessi degli sponsor. Per le piccole case automobilistiche, come quella della sua famiglia non c'è posto. Tuttavia Speed decide di mettere fine a tutto questo, e alleandosi con i piloti Racer X (Matthew Fox) e Taejo Togokhan (Rain), decide di vincere la famigerata Casa Cristo, senza ricorrere a imbrogli ed illeciti. Inizialmente Speed tiene nascosto alla famiglia di voler partecipare, ma quando essi lo scoprono riceverà tutto il loro sostegno e riuscirà a vincere.

Dopo aver appreso che Togokhan stava facendo solo gli interessi del padre, Speed ha una spericolata gara con Racer X, che a differenza dei sospetti di Speed si rivela non essere suo fratello. Quando torna a casa, Horuko, la sorella di Togokhan, consegna a Speed un regolare invito al 91° gran prix che si è guadagnato vincendo il Casa Cristo.

Speed riesce a vincere anche se Royalton aveva messo una taglia sulla sua testa. Racer X, che sta guardando, rivela attraverso un flashback che egli è davvero Rex Racer che ha finto la sua morte e si è sottoposto a diversi interventi di chirurgia plastica per salvare la sua famiglia e lo sport delle corse. Egli sceglie di non rivelare la sua identità alla sua famiglia, dichiarando che deve vivere con la sua decisione.

La famiglia Racer celebra la vittoria di Speed, che sul podio bacia Trixie, alla fine Royalton viene mandato in prigione.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto durante l'edizione dei Razzie Awards 2008 una nomination come peggior prequel, remake, rip-off o sequel.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola in Italia ha incassato circa mezzo milione di euro, mentre negli Stati Uniti il risultato al botteghino è stato di 44 milioni di dollari[14], laddove le previsioni dei Wachowski confidavano di superare i 300 milioni. L'incasso a livello planetario è stato di circa 93,9 milioni di dollari[14].

Il risultato deludente del film ha portato il produttore Joel Silver a dissociarsi dalle successive produzioni dei due registi, nonostante avesse già firmato un contratto di tre anni con la Warner Bros. America e la Village Roadshow.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ben Lyons, Extreme Sneak Peek: Speed Racer Is Cast, Gassed Up and Ready to Go Go Go!, E!, 11 maggio 2007. URL consultato il 12 maggio 2007.
  2. ^ Filip Vukcevic, Exclusive: Hirsch Talks Speed Racer, IGN, 17 settembre 2007. URL consultato il 17 settembre 2007.
  3. ^ a b c d Speed Racer - Bios, Warner Bros.. URL consultato l'8 giugno 2007.
  4. ^ Shawn Adler, Keanu Reeves Says He Turned Down ‘Watchmen' And ‘Speed Racer' Roles, MTV, 31 marzo 2008. URL consultato il 31 agosto 2008.
  5. ^ Stacy Dodd, Nayo Wallace, Variety, 11 luglio 2007. URL consultato il 13 luglio 2007.
  6. ^ Rain to star in Hollywood film, Korea Times, 16 maggio 2007. URL consultato il 17 maggio 2007.
  7. ^ Tuya' actress to join Hollywood action film, East Day, 28 giugno 2007. URL consultato il 7 luglio 2007.
  8. ^ Borys Kit, Roundtree is fast friend of 'Speed', The Hollywood Reporter, 2 luglio 2007. URL consultato il 2 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 2007-07-05).
  9. ^ Stacy Dodd, Scott Porter, Variety, 3 giugno 2007. URL consultato il 4 giugno 2007.
  10. ^ PETA not monkeying around with ‘Speed Racer’
  11. ^ Edward Douglas, Melvil Poupaud on His Speed Racer Role, ComingSoon.net, 19 giugno 2007. URL consultato il 20 giugno 2007.
  12. ^ Stacy Dodd, Christian Oliver, Variety, 8 luglio 2007. URL consultato il 9 luglio 2007.
  13. ^ INDYCAR'S MILKA DUNO HEADS TO BERLIN FOR ROLE IN WARNER BROS.' "SPEED RACER" MOVIE, MilkaDuno.com, 9 agosto 2007. URL consultato il 10 agosto 2007.
  14. ^ a b Box Office Mojo - Speed Racer (2008). URL consultato il 26 settembre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

L'automobile da corsa Mach 5, mostrata nel corso della fiera Comic-Con International nel 2007. Questo modello è disegnato per poter essere effettivamente guidato, ma la maggior parte delle sequenze di "corsa" nel film sono state realizzate in grafica computerizzata.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema