Spedizione di Alessandria (1807)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Spedizione di Alessandria (1807)
Fraser in Rosetta.jpg

Luogo Alessandria d'Egitto
Causa Le forze britanniche intendevano assicurarsi una base operativa strategica nel Mediterraneo
Esito Vittoria egiziana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2.500 Sconosciuti
Perdite
900 Sconosciute
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La spedizione di Alessandria del 1807 o Fraser expedition (in arabo:حملة فريزر) fu un'operazione congiunta della Royal Navy e del British Army nel corso del conflitto tra l'Impero britannico e l'Impero ottomano, strettamente legato durante questa fase delle guerre napoleoniche alla Francia imperiale.

Alexander Mackenzie Fraser

Per rovesciare il luogotenente del sultano in Egitto, il capace ed energico Mehmet Ali, i britannici inviarono la squadra navale dell'ammiraglio John Thomas Duckworth che sbarcò davanti ad Alessandria un corpo di spedizione di truppe britanniche provenienti dalla Sicilia[1] comandato del generale Alexander Mackenzie-Fraser. Questo intervento faceva parte di una più ampia strategia per contrastare l'alleanza franco-ottomana promossa dal Sultano Selim III.[2].

Dopo aver occupato Alessandria e Rosetta, le forze britanniche furono contrastate con successo dalle truppe di Mehmet Alì; il 22 aprile 1807 i britannici furono costretti a ripiegare ad Alessandria dove furono stretti d'assedio. Il 15 settembre 1807 il corpo di spedizione dovette concludere una convenzione di evacuazione; l'operazione si concluse con un totale fallimento e le truppe britanniche dovettero abbandonare il suolo egiziano[1].

Corpo di spedizione[modifica | modifica wikitesto]

Royal Navy
HMS Royal George (110 cannoni) vice ammiraglio Duckworth (insegna), capitano Richard Dalling Dunn
HMS Canopus (80 cannoni)
HMS Repulse (74 cannoni)
HMS Pompee (74 cannoni)
HMS Thunderer (74 cannoni)
HMS Tigre (74 cannoni) Capitano Benjamin Hallowell[3]
HMS Apollo (38 cannoni) Capitano Fellowes
HMS Wizard brig-sloop (16 cannoni) Capitano Palmer
33 navi trasporto

British Army
distaccamento, Royal Staff Corps
distaccamento, Royal Artillery
distaccamento, Royal Engineers Sir John Burgoyne[4]
3rd Squadrone, 20th Light Dragoons
1st Battaglione, 31st Regiment of Foot
1st Battaglione, 35th Regiment of Foot
2nd Battaglione, 35th Regiment of Foot
2nd Battaglione, 78th Regiment of Foot
Regiment de Roll
Chasseurs Britanniques
Sicilian Regiment

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b G.Lefebvre, Napoleone, p. 273.
  2. ^ p.25, Olson, Shadle
  3. ^ al comando di una parte della spedizione navale [1] Sir Benjamin Hallowell (1761 - 1834)
  4. ^ p.287, Hart

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Georges Lefebvre, Napoleone, Laterza, Bari, 2009
  • Olson, James Stuart & Shadle, Robert, Historical Dictionary of the British Empire, Robert T. Harrison, Alexandria, British occupation of (1807), Greenwood Publishing Group, 1996
  • Hart, H.G., Captain 49th Regiment, The New Annual Army Lists for 1848, Ninth annual volume, containing the dates of Commissions, and statement of the war services and wounds of nearly every officer in the Army, Ordnance and Marines, John Murray, London, 1848 (includes Militia List, and Imperial Yeomanry List)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]