Spedizione Astor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La targa che segna il punto, lungo il fiume Snake, in cui agli Astoriani furono rubati i cavalli da un gruppo di nativi americani nel settembre del 1812.

La spedizione Astor, compiuta tra il 1810 ed il 1812, è stata la seconda spedizione via terra, da St. Louis fino alla foce del fiume Columbia, dopo il Corps of Discovery, guidata da Meriwether Lewis e William Clark.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Overland Expedition[modifica | modifica sorgente]

La spedizione Astor prende il nome di John Jacob Astor, che ne finanziò lo svolgimento. A volte è chiamata "Hunt Party", dal nome di Wilson Price Hunt, che fu il responsabile del gruppo. Sarebbe più corretto chiamarla Overland Expedition della Pacific Fur Company. I membri della spedizione sono comunemente chiamati Overland Astorians.

Astoriani in Oregon[modifica | modifica sorgente]

Due componenti sopravvissuti della spedizione Astor, Étienne Lucier e Joseph Gervais, divennero agricoltori nella French Prairie (una porzione della prateria nordamericana) e parteciparono al Champoeg Meetings[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chapman, J. S. (1993). French Prairie Ceramics: The Harriet D. Munnick Archaeological Collection, circa 1820-1860: A Catalog and Northwest Comparative Guide. Anthropology Northwest, no. 8. Corvallis, Or: Dept. of Anthropology, Oregon State University.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]