Specchio Claude

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pittura di Claude Lorrain (1655-1660) che mostra la graduazione del tono che l'artista sperava di emulare usando uno specchio Claude

Lo specchio Claude (o specchio nero) è un piccolo specchio convesso con la superficie tinta di nero; generalmente contenuto in una scatoletta portatile.

Era usato dagli artisti, viaggiatori o disegnatori di paesaggi.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Lo specchio nero nella sua forma convessa ed oscurata produce una immagine distorta del panorama; la saturazione dei colori e la perdita dei dettagli creano un effetto di unificazione complessiva della forma e della linea. In tal modo è possibile riflettere l'immagine di un paesaggio in un piccolo spazio più facilmente riproducibile dal pittore sulla tela.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Questi specchi erano usati dai pittori del tardo XVIII sec. e inizi XIX sec. per la pittura dei paesaggi. Il pittore volgendo la schiena al panorama ne osserva l'immagine riflessa sulla superficie convessa del piccolo specchio nero che riproduce una sua immagine dai toni smorzati.

Nome[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva da Claude Lorrain, un pittore di paesaggi del XVII sec.

Localizzazione[modifica | modifica sorgente]

Alcuni specchi Claude sono ancora presenti in alcuni musei, tra cui Palazzo Poggi a Bologna[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Raffaele K. Salinari, Lo specchio scuro e la stella polare in ALIAS, Il manifesto, 8 marzo 2014, p. 8.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte