Spara che ti passa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spara che ti passa
Titolo originale ¡Dispara!
Lingua originale Spagnolo
Paese di produzione Spagna, Italia
Anno 1993
Durata 108 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere drammatico
Regia Carlos Saura
Soggetto Giorgio Scerbanenco - racconto
Sceneggiatura Enzo Monteleone, Carlos Saura
Produttore Jaime Comas Gil, Galliano Juso, Carmen Martínez
Fotografia Javier Aguirresarobe
Montaggio Juan Ignacio San Mateo
Musiche Alberto Iglesias
Scenografia Rafael Palmero
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Spara che ti passa (¡Dispara!) è un film del 1993 diretto da Carlos Saura e tratto dall'omonimo racconto di Giorgio Scerbanenco, contenuto nella raccolta Milano calibro 9.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Marcos, giornalista di Madrid incaricato di scrivere un articolo sull'arte circense, conosce Anna, una ragazza che lavora in un circo ed è diventata famosa perché su un cavallo al galoppo fa tiro al bersaglio con una carabina facendo sempre centro. I due si innamorano e trascorrono la notte insieme, al mattino però sono costretti a separarsi perché Marcos è impegnato a Barcellona.

Nello spettacolo successivo Anna viene notata da tre giovani a cui il numero piace moltissimo e che, alla fine dell'esibizione, tentano di abbordare Anna, ma la ragazza rifuta tutti i loro inviti con energia. I tre, alterati e ubriachi, si allontanano insultandola inviperiti, ma intenzionati a tornare. Nella notte, infatti, la raggiungono nella sua roulotte e la violentano brutalmente.

Quando se ne vanno la ragazza, decide di vendicarsi: sale in macchina portandosi dietro tutte le munizioni di cui dispone e dopo aver raggiunto l'officina dove i tre lavorano, li fredda con tre colpi consecutivi. In seguito si reca dal suo medico di fiducia per una visita di controllo e scopre di avere un'emorragia interna a causa dello stupro subito. Invece di andare in ospedale come consigliato dal medico, fugge senza una meta. Viene fermata da due poliziotti ed è costretta a sparare a entrambi, uccidendone uno e ferendo l'altro. Incontra Alberto, un bambino che si offre di ospitarla a casa sua; una volta giunti Anna fortemente provata minaccia col fucile i genitori di Alberto. La polizia arriva sul posto e circonda la casa: Anna libera gli ostaggi e muore dopo una lunga agonia tra le braccia di Marcos appena accorso.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema