Space opera militare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Guerra spaziale" rimanda qui. Se stai cercando il film del 1977, vedi Guerra spaziale (film).
Illustrazione di copertina della rivista Imagination (dicembre 1952), in cui è rappresentata una battaglia spaziale

La space opera militare o semplicemente fantascienza militare è un sottogenere della fantascienza, e in particolare della space opera, in cui la storia ruota attorno a un conflitto armato interplanetario. Il protagonista è in genere un soldato. La descrizione di tecnologie militari avveniristiche costituisce uno degli ingredienti utilizzati per comunicare al lettore il sense of wonder.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Per ovvi motivi, la space opera militare tende facilmente (e non sempre a torto) a essere considerata come militarista. Tuttavia, l'atteggiamento dell'autore rispetto al tema dello scontro militare si può in effetti collocare in qualsiasi punto di uno spettro che ha a un estremo una forte enfasi sulla retorica dei valori militari (disciplina, coraggio, amor patrio e così via) e sulla guerra come strumento inevitabile di risoluzione di conflitti insanabili (per esempio umani contro alieni), e all'altro un approccio in cui lo scontro militare viene rappresentato come privo di senso, e spesso inquadrato in un contesto antiutopistico in cui una guerra "eterna ed inutile" serve soprattutto come strumento di controllo delle masse (come già avveniva in opere come 1984 di George Orwell).

Altra caratteristica comune della space opera militare è la ricerca di una certa continuità con la cultura militare dei giorni nostri o passata, per esempio attraverso riferimenti impliciti o espliciti a guerre o battaglie storiche o l'uso di terminologia corrente adattata al contesto spaziale (per cui, per esempio, le astronavi sono classificate come incrociatori, corazzate, e via dicendo).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fra le prime opere di space opera militare viene citato Uller Uprising (1952) di H. Beam Piper. Il genere raggiunse un picco di popolarità con il celebre romanzo Fanteria dello spazio (Starship Troopers, 1959) di Robert A. Heinlein, in seguito adattato anche per il cinema nel film Starship Troopers di Paul Verhoeven.

Il riconoscimento come sottogenere a sé stante si può probabilmente ricondurre alla pubblicazione di Combat SF, a cura di Gordon Dickson (1975, ISBN 0-441-11531-4), un'antologia che comprendeva racconti di David Drake, Keith Laumer e Fred Saberhagen. Poco dopo, la pubblicazione di The Mercenary di Jerry Pournelle (1977) e della serie Slammers di Drake (1979) consolidò la posizione della fantascienza militare come un nuovo settore anche nel mercato dell'editoria.

Autori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Fra i principali autori noti per il loro contributo alla space opera militare si possono citare:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]