Sozialdemokratische Partei Südtirols

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sozialdemokratische Partei Südtirols
Leader Hans Dietl, Wilhelm Erschbaumer
Stato Italia Italia
Fondazione
Ideologia Socialismo democratico
Coalizione nessuna

La Sozialdemokratische Partei Südtirols (SPS, in italiano Partito Socialdemocratico dell'Alto Adige) è stato un partito politico regionale, attivo nella Provincia di Bolzano dal 1973 al 1981, di ispirazione socialdemocratica.

Il partito venne creato nel 1973 da Hans Dietl, ex-consigliere provinciale della Südtiroler Volkspartei (SVP) e deputato dal 1963 al 1972, che era stato espulso dalla SVP per essere stato contrario all'accordo tra governo provinciale e nazionale conosciuto come Pacchetto.

La SPS ottenne il suo miglior risultato nelle elezioni provinciali del 1973, quando ricevette il 5,14% dei voti ed elesse due consiglieri provinciali (lo stesso Dietl, che lasciò il partito poco dopo, e Wilhelm Erschbaumer). Da allora il partito continuò a perdere voti in favore della SVP, che nel 1975 aveva fondata la corrente degli Arbeitnehmer in der SVP che riusciva ad aggregare i lavoratori moderati di lingua tedesca. Lo stesso Erschbaumer, espulso dalla SPS nel 1981, si ripresentò sulla lista dell'SVP nel 1983, però non fu rieletto.[1][2]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Joachim Gatterer, "rote milben im gefieder". Sozialdemokratische, kommunistische und grün-alternative Parteipolitik in Südtirol, Studienverlag, Innsbruck-Vienna-Bolzano, 2009. ISBN 978-3-7065-4648-5

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I partiti politici in Alto Adige dal 1945 al 2005 di Günther Pallaver.
  2. ^ Archivio storico, Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano.