Soverato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo torrente, vedi Soverato (torrente).
Soverato
comune
Soverato – Stemma Soverato – Bandiera
Soverato – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Catanzaro-Stemma.png Catanzaro
Amministrazione
Sindaco Salvatore Mottola d'Amato (commissario prefettizio) dal 15/10/2014
Territorio
Coordinate 38°41′00″N 16°33′00″E / 38.683333°N 16.55°E38.683333; 16.55 (Soverato)Coordinate: 38°41′00″N 16°33′00″E / 38.683333°N 16.55°E38.683333; 16.55 (Soverato)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 7,79 km²
Abitanti 9 113[1] (31-12-2014)
Densità 1 169,83 ab./km²
Frazioni nessuna
Comuni confinanti Montepaone, Petrizzi, Satriano
Altre informazioni
Cod. postale 88068
Prefisso 0967
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 079137
Cod. catastale I872
Targa CZ
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti soveratesi ("Suvaratàni" in calabrese)
Patrono Maria SS. Addolorata, San Giovanni Bosco (Compatrono)
Giorno festivo 15 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Soverato
Soverato
Posizione del comune di Soverato all'interno della provincia di Catanzaro
Posizione del comune di Soverato all'interno della provincia di Catanzaro
Sito istituzionale
Lungomare di Soverato

Soverato (Suvaràtu in calabrese[2]) è un comune italiano di 9.113 abitanti[3] della provincia di Catanzaro in Calabria.

È situato nella parte sud del golfo di Squillace, distante circa 30 km dal capoluogo di regione. Rappresenta il polo turistico più importante sulla costa jonica e proprio per la sua bellezza è definita "La perla dello Jonio".

Nel 2015 Soverato si aggiudica la Bandiera Verde delle Spiagge, l'autorevole riconoscimento europeo assegnato dalla FEE.[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

L'area archeologica di Soverato Vecchia

Soverato è variamente distribuita nel territorio, è possibile distinguere tre zone contingenti, la prima sulla costa, la seconda, poco distante e leggermente distaccata dalla prima, in bassa collina e la terza, alla stessa altezza della seconda, rappresenta quel che rimane della vecchia Soverato (Soverato Vecchia). La popolazione è prevalentemente accentrata nella parte bassa della cittadina. L'area collinare abitata di Soverato prende il nome di Soverato Superiore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista storico, Soverato, sorge sul territorio che, a suo tempo, si dice sia stato occupato da un villaggio a cui la tradizione erudita locale ha attribuito il poleonimo, attestato solamente per il secolo XVII, di Poliporto, toponimo a cui sono stati attribuiti varie interpretazioni. Il nome Suberatum fu dato al villaggio, a seguito della ricostruzione sulla collina sovrastante la costa, durante il X secolo d.C. Pochi sono i documenti esistenti relativi alla cittadina di Soverato ma, fondamentale, è un testo storico che registra la presenza di un mulino all'interno di un territorio denominato Suberati. Durante gli anni il nome modificò per raggiungere l'attuale forma. Tra i tanti nomi attribuitigli ricordiamo Sughereto, Sovrato e Subrato. In riferimento al nome odierno, si ritiene che coloro i quali attribuirono questo nome al villaggio presero spunto dal grande numero di alberi da sughero presenti nel territorio. Altre ipotesi, molto fantasiose, sono prive di fondamento e quindi vengono scartate. Nella parte alta della città restano dei ruderi della città che viene chiamata Soverato Antica o "Soverato Vecchia". Si tratta di un abitato che fu distrutto dal Terremoto del 1783 che colpì il sud Italia. In realtà si trattò di una serie di terremoti che ebbero inizio il 5 febbraio 1783 e a cui seguirono più di 900 scosse fino al 28 marzo 1783. La scossa che recò maggiore danni a Soverato Antica, secondo alcuni studi, risale al 28 marzo 1783 ed ebbe epicentro fra i Comuni di Borgia e Girifalco. Soverato "da vedere" offre anche una serie di opere di altissimo contenuto storico come ad esempio la Pietà del Gagini (1521) oppure il borgo antico - sopra descritto - denominato "Soverato vecchio". È stata dichiarata città dal Presidente della Repubblica Giovanni Leone nel 1974. Il 9 settembre del 2000, una disastrosa alluvione[5] colpì la parte nord di Soverato, facendo straripare il torrente Beltrame, distruggendo il Camping "Le Giare" e provocando 12 morti e 1 disperso.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • La leggendaria Torre di Carlo V o Turrazzo, è una torre di avvistamento eretta tra la fine del secolo XVI e i primi del seguente, per la difesa del Regno contro le invasioni dei Turchi. Si erge solitaria affacciata sul Mar Jonio, su di uno sperone a nord di Soverato, seppure ormai assediata da agglomerati urbani. È probabilmente una delle 339 Torri costiere del Regno di Napoli edificate lungo le coste del Mezzogiorno; oggi parecchie scomparse, altre semi-distrutte. Inoltre è di importanza storica poiché è una delle pochissime torri quadrate e non ovali rimaste intatte.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Pietà di Antonello Gagini

Siti Archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Il sito archeologico di "Soverato Vecchia": il vecchio centro cittadino distrutto dal terremoto del 1783.
  • le Rovine di Poliporto: rovine presumibilmente di un porto di età greco-romana in località "San Nicola".
  • Le tombe Sicule.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Monumento ai caduti di I e II Guerra Mondiale, in Soverato Superiore
  • Monumento ai caduti della Folgore, via Trento e Trieste nella Marina

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Carnevale di Soverato.
  • Riti legati alla settimana santa, in particolare la presa di Cristo all'orto,a Cumprunta a Soverato Superiore e il Martedì di Galilea.
  • Fiera della Galilea, storica fiera - lunedì e martedì dopo Pasqua.
  • Fiera di S. Anna, alla fine del mese di luglio.
  • Festa di Maria SS di Porto Salvo, protettrice dei marinai soveratesi - 2ª domenica di agosto.
  • Festa patronale Maria SS Addolorata a Soverato Superiore - 3ª domenica di settembre.
  • Sagra delle Melanzane in Soverato Superiore - 3ª domenica di settembre

Persone legate a Soverato[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Amirante, tenente e in seguito sacerdote esemplare nato a Soverato per cui è stata aperta causa di beatificazione
  • Antonino Calabretta, sindaco di Soverato per decenni. A lui è intitolato l'Istituto Tecnico Commerciale della città
  • Filippo Caminiti, sindaco di Soverato e senatore della Repubblica per la legislatura 1948-53
  • Gigi Peronace è stato un calciatore, dirigente sportivo e talent scout italiano
  • Vincenzo Guarna, scrittore e studioso di Montale. Per decenni professore di lettere e quindi preside nelle scuole superiori di Soverato
  • Elisabetta Gregoraci, showgirl e moglie di Flavio Briatore
  • Francesco Scorsa, allenatore e calciatore
  • Guido Daniele, artista multimediale e body painter

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il turismo rappresenta la principale fonte economica per Soverato. Durante il periodo estivo, la popolazione aumenta notevolmente, si registra la presenza di un elevato numero di turisti concentrati soprattutto nel mese di agosto, per frequentare il famoso lungomare di Soverato, località intrisa di strutture turistiche. Sono presenti inoltre diverse scuole secondarie superiori, frequentate da molti studenti del comprensorio, che si spostano durante l'anno nella cittadina jonica per completare gli studi dopo il conseguimento della licenza media. Soverato è famosa per la pesca del tonnetto dalla spiaggia con canne di lancia a ritorno veloce con mulinello, e l'uso di un artificiale. Dal 2009 ,con decreto regionale, è stato istituito il parco marino "baia di Soverato" per l'abbondante presenza di cavallucci marini. Soverato è dotata di un moderno teatro comunale, di un acquario mediterraneo e di un giardino botanico.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La località è servita dall'omonima stazione ferroviaria, inaugurata nel 1875, posta sulla linea Metaponto-Reggio di Calabria. L'unico collegamento ferroviario extra-regionale è rappresentato dall'InterCity 562/559 che collega Reggio Calabria con Taranto.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • Le squadre di calcio di Soverato sono: è l'A.S.D. Soverato Virtus 2001, fondata nel 2001 e l'A.S.D.Uesse Soverato, militante nel campionato di Seconda Categoria.
  • Per il Calcio a 5, ha sede nel Comune l'A.S.D.Calcio a 5 Soverato, nata nel 2009 e militante nel campionato di C1.
  • Nella pallacanestro è presente la società Nuovo Basket Soverato, che milita in promozione.
  • Ha sede nella località la Volley Soverato, società pallavolistica femminile che milita nel campionato di Serie A2.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 633.
  3. ^ Dato Istat al 31/12/2012
  4. ^ Spiagge a misura di bambino, 12 bandiere verdi in Calabria, www.ilcirotano.it. URL consultato il 13-04-2015.
  5. ^ 2000-Alluvione a Soverato.
  6. ^ Pietà di Antonello Gagini.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calabria