Sonia Shah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sonia Shah (New York, 1969) è una giornalista statunitense nota per le sue inchieste sulle multinazionali - in particolare alimentari, petrolifere e farmaceutiche -.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata nel 1969 a New York da una coppia di medici di origine indiana, è cresciuta tra il nordest degli Stati Uniti e l'India, dove vive il resto della sua famiglia.

Laureata in filosofia e neuroscienze all'Oberlin College, scrive per The Washington Post, The Boston Globe, New Scientist, The Nation.

Vive attualmente con lo scienziato Mark Bulmer ed i loro figli Zakir e Kush.

Attività[modifica | modifica sorgente]

Gli scritti di Sonia Shah, si basano sui suoi reportages in India, South Africa, Panama, Malawi, Camerun, Australia. Ha collaborato con la BBC e la Radio Nazionale Australiana. I suoi articoli su Diritti umani, Politica, Medicina sono stati pubblicati su numerose riviste tra cui Playboy, Salon, Orion, The Progressive, Knight-Ridder. È stata consulente per documentari in collaborazione con ABC, Channel 4.

Sonia Shah è former writing fellow del Nation Institute and the Puffin Foundation.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • The Body Hunters, ISBN 1-56584-912-4, 2006 - (trad. it. "Cacciatori di corpi, la verità su farmaci killer e medicina corrotta, Nuovi Mondi media, 2007
  • The Story of Oil, ISBN 1-58322-625-7, 2004 - (trad.it. "Oro nero, breve storia del petrolio", Mondadori, 2005)
  • Untying the knot, 2001
  • Dragon Ladies, ISBN 0-89608-575-9, 1997
  • Between Fear and Hope, ISBN 1-879175-10-X,1992

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 8251956