Sonata per flauto e pianoforte (Poulenc)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sonata per flauto e pianoforte
Poulenc Sonate pour flûte et piano (flûte)-1.png
Incipit del primo movimento
Compositore Francis Poulenc
Tipo di composizione Sonata
Numero d'opera FP164
Epoca di composizione 1956-1957
Prima esecuzione Strasburgo, 18 giugno 1957
Dedica Madame Elizabeth Sprague Coolidge
Durata media 12 min ca.
Organico

Flauto e Pianoforte

Movimenti

vedi sotto

La Sonata per flauto e pianoforte FP164 è uno dei più celebri lavori di musica da camera del compositore francese Francis Poulenc. È dedicata alla memoria della mecenatessa statunitense Elizabeth Sprague Coolidge.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Sonata venne scritta da Poulenc su commissione della Fondazione Elizabeth Sprague Coolidge, fra il dicembre 1956 e il marzo 1957. La scrittura di questa sonata si sovrappose alle ultime modifiche della celebre opera lirica di Poulenc I dialoghi delle carmelitane che venne rappresentata per la prima volta nel gennaio del 1957. Sebbene i primi abbozzi di una sonata per flauto risalissero al 1952[1], il materiale compositivo non si discosta molto da quello de I dialoghi delle Carmelitane: lo stesso compositore affermò, in una lettera al suo biografo Henri Hell, che alcune delle armonie della sonata fanno riferimento al ruolo di Soeur Constance della sua ultima opera[2]. Nella pace e solitudine di Cannes, Poulenc scrisse questa sonata, che venne rappresentata solo un mese dopo la sua stesura definitiva[3].

Movimenti[modifica | modifica sorgente]

  1. Allegretto malincolico
  2. Cantilena: Assez lent
  3. Presto giocoso

Prima esecuzione[modifica | modifica sorgente]

La prima esecuzione della Sonata avvenne il 18 giugno 1957 a Strasburgo, eseguita dallo stesso Poulenc al pianoforte e da Jean-Pierre Rampal al flauto[4]. La Sonata fu modellata sulle caratteristiche tecniche e musicali di questo celebre flautista francese.

Edizione[modifica | modifica sorgente]

  • Sonata for Flute and Piano, Chester Music, London, Ed. Carl B. Schmidt & Patricia Harper ISBN 0-7119-4398-2.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ fuguemasters.com
  2. ^ naxos.com
  3. ^ naxos.com (commento)
  4. ^ poulenc.fr