Sometimes You Can't Make It on Your Own

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sometimes You Can't Make It On Your Own

Artista U2
Tipo album Singolo
Pubblicazione 14 febbraio 2005
Durata 5 min : 05 s
Genere Alternative rock
Rock
Etichetta Island, Interscope
Produttore Chris Thomas, Steve Lillywhite e Nellee Hooper
Formati CD
Note
U2 - cronologia
Singolo precedente
(2004)
Singolo successivo
(2005)

Sometimes You Can't Make It on Your Own è un brano musicale del gruppo irlandese degli U2, ed il secondo singolo ad essere estratto dal loro album del 2004 How to Dismantle an Atomic Bomb. Originalmente intitolato "Tough" e dedicato da Bono al padre Bob Hewson scomparso nel 2001, il brano è stato pubblicato nel Regno Unito il 7 febbraio 2005, ed ha debuttato alla prima posizione della classifica inglese. La canzone ha vinto un Grammy Award come "Migliore performance rock di un gruppo" e per la "Canzone dell'anno" nel 2006.

Il video[modifica | modifica sorgente]

Il video musicale del brano è stato diretto da Phil Joanou (che già aveva collaborato con gli U2 per il film Rattle and Hum ed il video di If God Will Send His Angels) e prodotto da Ned O'Hanlon. Girato interamente a Dublino, nelle prime immagini mostra Bono ripercorrere Cedarwood Road, la strada dove da bambino abitava con la famiglia, per poi arrivare al Gaiety Theatre dove l'attendono gli altri componenti. La scena girata all'interno del teatro dublinese è un ulteriore omaggio al padre, grande appassionato di Opera. La prima trasmissione è avvenuta nella settimana del 21 febbraio 2005.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

CD1[modifica | modifica sorgente]

  1. "Sometimes You Can't Make it On Your Own" (96 BPM Radio Edit) (4:51)
  2. "Fast Cars" (Jacknife Lee Mix) (3:28)

CD2[modifica | modifica sorgente]

  1. "Sometimes You Can't Make it On Your Own" (96 BPM Radio Edit) (4:51)
  2. "Ave Maria" (Jacknife Lee Mix) (3:35)
  3. "Vertigo" (Redanka Power Mix) (7:32)

CD3 (Giappone)[modifica | modifica sorgente]

  1. "Sometimes You Can't Make it On Your Own" (96 BPM Radio Edit) (4:51)
  2. "Fast Cars" (Jacknife Lee Mix) (3:28)
  3. "Vertigo" (Trent Reznor Remix) (3:38)
  4. "Vertigo" (Redanka Power Mix) (7:32)
  5. "Ave Maria" (Jacknife Lee Mix) (3:35)

DVD[modifica | modifica sorgente]

  1. "Sometimes You Can't Make it On Your Own" (Live from HQ, November 16 2004) (Video) (5:15)
  2. "Vertigo" (Video) (3:11)
  3. "Sometimes You Can't Make it On Your Own" (Album Version) (Audio) (5:05)
  4. "Vertigo" (Trent Reznor Remix) (Audio) (3:38)

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2005) Posizione
Massima
Canada 1
Lituania 1
Portogallo 1
Spagna 1
UK 1
Cina 2
Danimarca 2
Paesi Bassi 2
Irlanda 3
Norvegia 6
Cile 12
Australia 19
Germania 23
Svezia 24
US Billboard Adult Top 40 15
US Billboard Alternative Songs 29
US Billboard Pop 100 87
US Billboard Hot 100 97
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock