Something to Believe In/Somebody Put Something in My Drink

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Something to Believe In/Somebody Put Something In My Drink
Ramones - Somebody Put Something In My Drink.png
Screenshot tratto dal videoclip di Somebody Put Something In My Drink. È visibile la band suonare al concerto in Spagna in cui è stato registrato Loco Live[1]
Artista Ramones
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1986
Durata 3 min : 25 s
Album di provenienza Animal Boy
Genere New York punk
Etichetta Sire Records
Produttore Jean Beauvoir
Registrazione dicembre 1985
Ramones - cronologia
Singolo precedente
(1986)
Singolo successivo
(1986)

Something to Believe In/Somebody Put Something In My Drink è un singolo[2][3] del gruppo punk Ramones, pubblicato nell'album del 1986 Animal Boy.

Tracce[2][3][modifica | modifica wikitesto]

LATO A

  1. Something to Believe In - 4:17

LATO B

  1. Somebody Put Something In My Drink - 3:27

Somebody Put Something in My Drink[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, scritta dal batterista Richie Ramone[4], deriva da un fatto che l'ha coinvolto: in un bar, dopo aver richiesto un drink che gli venne regolarmente servito, qualcuno nel bicchiere gli aggiunse dell'LSD, rendendolo di fatto un intruglio molto pericoloso da bere[5]. Questo avvenne durante i suoi primi anni come membro dei Ramones[6].

Video di Somebody Put Something in My Drink[modifica | modifica wikitesto]

Venne filmato un video al concerto in Spagna in cui è stato registrato l'album Loco Live per poterlo promuovere maggiormente ma, per motivi economici, non venne mai completato e pubblicato. Comunque, una sua versione si può trovare nel doppio DVD It's Alive 1974-1996.

Alla batteria, essendo un filmato live del 1991, è presente Marky Ramone ed al basso C.J..

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Questa canzone è stata reinterpretata dai Children of Bodom nell'album Are You Dead Yet?, e anche dai Meteors, Plan 4, Nosferatu, Mortifer, Farben Lehre ed Acid Drinkers.

Somebody Put Something in My Drink nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ It's Alive 1974-1996
  2. ^ a b Discogs.com
  3. ^ a b Gabbagabbabook.it
  4. ^ Allmusic.com
  5. ^ Jim Bessman - Traduzione di Andrea Salacone Ramones: La biografia ufficiale. Arcana, 2007. ISBN 88-7966-437-9
  6. ^ End of the Century: The Story of the Ramones
  7. ^ Imdb.com
punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk