Somalo (gatto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Somalo
Informazioni generiche
Riconoscimento
Nuvola filesystems ftp.png
 Razza riconosciuta
Diffusione
Nuvola filesystems ftp.png
 Razza diffusa
Standard
TICA standard

Il somalo è una razza di gatto e viene descritto come un Abissino a pelo lungo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il somalo ha lo stesso carattere curioso, attivo e giocherellone dell'abissino, e con esso condivide anche l'aspetto. L'unica differenza tra loro è la lunghezza del pelo, però, al contrario della maggior parte dei gatti a pelo lungo, il somalo non ne perde molto: Il mantello viene cambiato quasi tutto assieme una o due volte l'anno e non costantemente come in un persiano.

Il somalo ha una coda appariscente che, assieme al pelo relativamente lungo, gli ha guadagnato l'appellativo di "gatto volpe". Oltre alla coda vaporosa il somalo presenta altri caratteri particolari come delle striature scure sul dorso (a seconda del colore del mantello), grandi orecchie, abbondante pelo su collo e sulle cosce il quale contribuisce ulteriormente all'apparenza volpina. Il pelo è multicromato, una variazione dei segni caratteristici dei soriani, ed alcuni Somali esibiscono striature da soriano in alcune parti del corpo. Ciò è visto come una deviazione del pedigree quindi tali esemplari vengono venduti solo se sterilizzati. L'unico segno-striatura apprezzato su un somalo è la tradizionale "M" soriana sulla fronte. Come l'abissino, esso ha un contorno scuro attorno agli occhi che fa sì che sembri truccato con la matita per gli occhi ed ha relativamente poco pelo bianco sul muso, mento e collo. Pelo bianco in altre aree del corpo rende l'esemplare di basso pregio per le esposizioni feline.

Il gatto Somalo  è di taglia media : 6 kg il maschio e 4 kg la femmina; Ha il corpo di lunghezza media con muscolatura robusta e definita. La schiena è leggermente arcuata e dà l'impressione che l'animale sia sempre in attesa di compiere un salto.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

A causa della pesante perdita di gatti abissini durante la seconda guerra mondiale, gatti di pedigree sconosciuto furono usati per ricostituire la razza abissina ed è probabile che gatti portari del gene recessivo del pelo lungo siano riusciti ad entrare a far parte del pool genetico della popolazione[2]. Quindi, negli anni 50 del novecento durante dei programmi di allevamento di gatti abissini un certo numero di essi nacque con un mantello più morbido e con pelo più lungo.

Ad ogni modo è possibile che l'introduzione del gene recessivo per il pelo lungo sia avvenuta precedentemente, ancora prima della registrazione, nel 1905, dei 12 gatti che diventarono, secondo il National Cat Club, i capostipiti della razza Abissina, i quali avevano ognuno almeno un genitore di origine sconosciuta. Altri pensano che l'abissino a pelo lungo (il somalo) non sia altro che il risultato di una mutazione spontanea interna al gruppo degli Abissini.[3]

I primi somali erano esemplari a pelo lungo in cucciolate casuali di abissini. Negli anni 40 del novecento un'allevatrice britannica, Janet Robertson, esportò alcuni cuccioli di abissino standard in Australia, Nuova Zelanda e Nord America. I discendenti di questi gatti produssero occasionalmente esemplari a pelo lungo e nel 1963, Mary Mailing, un'allevatrice canadese, ne portò per la prima volta un esemplare ad una mostra. Ken McGill, il giudice, richiese il riconoscimento di una nuova razza. Al contrario delle credenze comuni, il somalo è una razza di origine australiana, non somala. Il primo somalo ufficiale fu Mayling Tutsuta, il gatto di McGill.

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Alan Edwards, The Ultimate Encyclopedia of Cats Cat Breeds & Cat Care, Trevor Turner (Consultant) John Daniels (Photographer), London, Hermes House [1999], 2005. OCLC 76934417, ISBN 0754812774 9780754812777.
  1. ^ Taglia gatto Somalo
  2. ^ Kathy Black, The Somali Cat: 30 Years and Going Strong!, CFA. URL consultato il 4 dicembre 2009.
  3. ^ The Somali: A Berry Lovely Cat, Cats and Kittens Magazine, 1998. URL consultato il 4 dicembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

gatti Portale Gatti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di gatti