Somali (gruppo etnico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Somali
Luogo d'origine Corno d'Africa
Popolazione 16-19 milioni
Lingua Somalo
Religione Islam

I somali sono un gruppo etnico principalmente caucasoide (Somali: Soomaaliyeed, Arabic: الصوماليون) situato nel Corno d'Africa. La maggior parte della popolazione parla il Somalo, una lingua Cuscitica della famiglia Afro-Asiatica. Il numero dei Somali è compreso tra i 15 e i 17 milioni e sono concentrati in Somalia (8.7 milioni), in Etiopia (4.6 milioni), in Kenia (900 mila), in Gibuti (460 mila), in Yemen (200 milia), in Canada (150 mila), negli Stati Uniti (80 mila), in Svezia (40 mila) e in Sudafrica (40 mila).

Storia[modifica | modifica sorgente]

I Somali vivevano nella zona di Tajura (Gibuti) fino a Raas Caseyr (Somalia); questo territorio era un tempo noto come terra di Punt I primi documenti riguardanti il popolo Somalo risalgono al libro “Periplo del Mare Eritreo”. In antichità la Somalia era un importante centro di commercio con il resto del mondo antico. I navigatori Somali e i mercanti commerciavano incenso mirra e spezie considerate dei beni di lusso dagli antichi Egizi, dai Fenici e dai Micenei. Secondo molti studiosi l’antica terra di Punt diede origine al popolo Somalo. Gli antichi Somali erano un popolo che aveva stretti legami con i faraoni d’Egitto durante il periodo della regina Hatshepsut. Le strutture piramidali, i templi e le antiche case di pietra presenti in Somalia sono datate intorno a questo periodo. Nell’era classica antiche città stato come Opone (Hafun), Essina (nelle vicinanze di Merca), Sarapion (Mogadiscio), Malao (Berbera) e Mosylon (vicino a Capoguardafui) erano in competizione con i Sabei con i Parti e gli Axumiti (Etiopi). Con la conversione dei Somali all’Islam si formarono numerosi sultanati alleati con i regni Arabi. Le città di Mogadiscio, Berbera, Zeila, Barawa e Merca diventarono importanti città stato. Il sultanato di Ifat con capitali Zeila governava su alcuni territori che oggi appartengono all’Etiopia e a Gibuti e nella Somalia del Nord. Nel medioevo il più importante sultanato fu quello di Ajuuran nella Somalia meridionale che riuscì con successo a respingere gli attacchi dei Portoghesi e degli Oromo.

Il sultanato di Adal grazie al comandante Ahmad Ibrahim Al-Ghazi (Ahmed Gurey) conquistò l’impero Etiope e fu il primo a usare i cannoni da guerra sul continente Africano sconfiggendo anche i Portoghesi alleati degli Etiopi Il sultanato di Geledi succeduto al sultanato Ajuuran costrinse i governatori dell’impero dell’Oman a pagare il tributo al sultano Somalo Ahmed Yusuf. Alla fine del XIX secolo l’Inghilterra e l’Italia occuparono parti del territorio Somalo; gli Inglesi nel Nord-Ovest e gli Italia nella rimanente parte del territorio Somalo.

Entrambi questi poteri coloniali dovettero fronteggiare le rivolte della popolazione locale guidata dal leader Derviscio Muhammad Abdullah Hassan che riunì i soldati somali da tutto il corno d’Africa e iniziò la più lunga resistenza coloniale nell’area infliggendo pesanti sconfitte agli Inglesi. Tuttavia gli Inglesi dopo vent’anni di guerriglia sconfissero l’esercito Derviscio utilizzando per la prima volta in Africa l’aviazione. Anche gli Italiani dovettero affrontare l’opposizione delle armate dei sultani Somali e non riuscirono a conquistare tutto il territorio fino all’avvento del Fascismo. Tra il 1950 e il 1960 la Somalia fu posta sotto la tutela dell’amministrazione fiduciaria Italiana che doveva preparare il paese all’indipendenza. Il primo Luglio 1960 l’ex protettorato Inglese del Somaliland e l’ex colonia della Somalia Italiana grazie agli sforzi dell’SYL (lega dei giovani Somali) riuscì ad ottenere l’ indipendenza. Nella parte settentrionale del Kenya abitata da Somali e rivendicata dal governo Somalo si tenne un referendum per l’annessione ,il risultato fu un plebiscito a favore dell’unione con la Somalia, ma il territorio rimase sotto controllo del kenya. L’Ogaden fu assegnato all’Etiopia e fu oggetto delle rivendicazione del governo Somalo poiché questo territorio era abitato in prevalenza de Somali Nel 1969 in seguito a un colpo di stato il generale Mohamed Siad Barre prese il potere instaurando la repubblica democratica Somala guidata da un regime a partito unico. Nel 1976 Siad Barre creò il partito socialista rivoluzionario Somalo. Nel 1977 entrò in guerra con l’Etiopia per il possesso dell’Ogaden. Nel 1991 Siad Barre fu deposto e iniziò la guerra civile Somala che perdura ancora oggi anche se con dei miglioramenti in seguito all’elezione nel Settembre 2012 di Hassan Sheik Mohamud.

Clan e Struttura Familiare[modifica | modifica sorgente]

La società Somala è tradizionalmente Endogama e il matrimonio è utilizzato per sancire l’alleanza fra i vari clan. I maggiori clan Somali sono:

  • Darood (i sotto clan sono Marehan, Dhulbahante, Majerteen e Ogaden)
  • Hawiye (i sotto clan sono Abgaal, Habar Gidir, Ajuuran e Mursad)
  • Rahanweyn (i sotto clan sono Digil e Mirifle)
  • Dir (i sotto clan sono Gadabursi e Issa)
  • Isaaq (i sotto clan sono Habar awal, Habar toljaala, Habar yunis)

Lingue[modifica | modifica sorgente]

La lingua Somala fa parte della branca delle lingua Afro-Asiatiche in particolare del ceppo Cuscitico L’esatto numero del parlanti della lingua somala non è noto ma si aggirano intorno ai 15 milioni Il sistema di scrittura utilizzato è il sistema di scrittura Latino introdotto nel 1972; prima di questo erano in uso alfabeti locali come l’alfabeto Osmanya sviluppato dal sultano Osman Yusuf Kenadid, molto usato fu anche il sistema di scrittura arabo, adattato alla lingua Somala nel medioevo.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

La cultura Somala è un insieme di tradizioni sviluppate indipendentemente e l’influenza di civiltà vicine come quella Araba, Indiana, Nord Africana e del Sud-Est Asiatico. Un importante aspetto della cultura Somala è la poesia infatti la scrittrice Canadese Margaret Laurence si riferì alla Somalia come nazione dei poeti

Legge[modifica | modifica sorgente]

I Somali per secoli hanno praticato una legge tradizione chiamata Xeer; questa legge richiedeva una certa quantità di esperienza ed era amministrata dagli Anziani Saggi e includeva norme come:

  • Pagamento del prezzo di sangue
  • Assicurarsi delle buone relazioni intertribali e il giusto trattamento delle donne
  • La donazione di bestiame e altri beni ai poveri
  • Dare supporto economico alle parenti femmine già sposate

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Per anni la letteratura Somala ha trattato di argomenti religiosi ma con l’avvento dell’alfabeto latino si sono formati alcuni importanti scrittori come Nuraddin Farah. Farah Mohamed Jama Awl è un altro importante scrittore Somalo che è noto per il suo romanzo “L’ignoranza è nemica dell’Amore”, ambientato nell’era Derviscia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Wikipedia: Somali Population Libro: Taarikhda Soomaaliya (Dalkii Filka Weynaa ee Punt) Autore: Muxamed Ibraahim Muxamed