Soluzione glucosata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Una soluzione glucosata è una soluzione perfusionale di zucchero, solitamente glucosio o destrosio, in acqua (utilizzata come solvente) da somministrare per via endovenosa, per scopi terapeutici.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

I tipi di soluzione utilizzati sono vari. Per esempio:

  • D5W (5% di destrosio in acqua), che consiste di 278 mmol/L destrosio
  • D5NS (5% di destrosio in soluzione fisiologica)
  • 5% di glucosio in acqua - 278 mmol/L
  • 10% di glucosio in acqua - 556 mmol/L
  • 20% di glucosio in acqua - 1100 mmol/L

La percentuale è calcolata sulla massa, così una soluzione al 5% di glucosio/destrosio contiene 50 mg/ml di glucosio/destrosio.

Il glucosio fornisce energia per 4 kcal/grammo, quindi una soluzione glucosata al 5% fornisce 0,2 kcal/ml. Il destrosio in soluzione è di solito destrosio monoidrato, che produce 3,4 kcal/grammo, pari a 0,17 kcal/ml[1]

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La somministrazione di soluzione glucosata al 5% può essere indicata in fase pre e postoperatoria per prevenire la possibile reazione di ipoglicemia indotta dallo stress operatorio, con un basso rischio di peggiorare una eventuale iperglicemia, che potrebbe essere causata da reazione simpatica. Una soluzione al 10% è più appropriata quando la risposta allo stress postoperatorio è diminuita, circa un giorno dopo l'intervento chirurgico[senza fonte].

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Stati di iperglicemia, deidratazione ipotonica, iperidratazione

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calculating Parenteral Feedings D. Chen-Maynard at California State University, San Bernardino. Retrieved September 2010. HSCI 368