Solomys salebrosus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ratto gigante di Bougainville
Immagine di Solomys salebrosus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Solomys
Specie M.salebrosus
Nomenclatura binomiale
Solomys salebrosus
Troughton, 1936

Il Ratto gigante di Bougainville (Solomys salebrosus Troughton, 1936) è un roditore della famiglia dei Muridi, diffuso in alcune delle Isole Salomone.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Roditore di grandi dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 225 e 328 mm, la lunghezza della coda tra 238 e 250 mm, la lunghezza del piede tra 46 e 50,5 mm, la lunghezza delle orecchie tra 18 e 20,7 mm e un peso fino a 460 g.[3]
La pelliccia è sparsa e ruvida. Le parti superiori sono bruno-giallastro scuro brizzolato, più chiaro lungo i fianchi e cosparso di lunghi peli neri. Il naso, le labbra e il dorso delle orecchie sono color tabacco. Le parti ventrali sono rosa-giallastro. Le parti dorsali delle zampe sono marroni. Le mani sono marrone scuro. I piedi sono bruno-giallastro. La coda è più corta della testa e del corpo, la base è ricoperta densamente di peli, il resto ne è privo. Sono presenti 9-10 anelli di scaglie per centimetro. Le femmine hanno due paia di mammelle inguinali.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

È una specie arboricola. Costruisce nidi di foglie all'interno di alberi cavi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le femmine danno alla luce un piccolo alla volta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa sull'isola di Bougainville e Choiseul, Isole Salomone. Resti fossili sono stati rinvenuti anche sull'Isola di Buka.

Vive nelle foreste tropicali umide fino a 200 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il declino della popolazione di circa il 50% nei 5 anni passati e in previsione nei fprossimi 5 a causa del disboscamento, classifica M.salebrosus come specie in pericolo (EN).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Leary, T., Seri, L., Flannery, T., Wright, D., Hamilton, S., Helgen, K., Singadan, R., Menzies, J., Allison, A., James, R. & Bonaccorso, F. 2008, Solomys salebrosus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Solomys salebrosus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tim F. Flannery, Mammals of the South-West Pacific and Moluccan Islands, Cornell University Press, 1995. ISBN 9780801431500.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi