Solms-Baruth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma del Principe di Solms-Baruth

Solms-Baruth è il nome di una signoria del Sacro Romano Impero, ubicata nella Bassa Lusazia, la cui famiglia né poteva godere dei diritti dal XVI secolo fino al 1945.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello di Baruth nel XIX secolo, sede della famiglia Solms-Baruth

Solms-Baruth era uno dei molti stati minori del Sacro Romana Impero.

Perse la sua indipendenza con la mediatizzazione tedesca del 1806. Inizialmente passò al Regno di Sassonia, ma nel 1815, la Sassonia fu punita al Congresso di Vienna per la lealtà a Napoleone con la confisca una parte significativa del suo territorio, Solms-Baruth fu trasferita alla Prussia. Il rappresentante prussiano al Congresso era Karl August von Hardenberg e il suo assistente, il Conte di Solms-Sonnewalde.

Lo stato di Solms-Baruth fu fino al 1945 di proprietà della famiglia Solms-Baruth, lo Stato consisteva nel castello sede della famiglia, di dieci villaggi e circa 15.000 ettari di terreno agricolo e forestale.

Sovrani[modifica | modifica wikitesto]

  • Ottone, Conte di Solms-Sonnenwalde (1596−1612)
  • Federico Alberto, Conte di Solms-Sonnenwalde (1612−1615)
  • Giovanni Giorgio II (1615–1632), Conte di Solms-Baruth in Wildenfels

Conti di Solms-Baruth[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Giorgio III (1632–1690)
  • Federico Sigismondo I (1632–1696)
  • Federico Sigismondo II (1696–1737)
  • Friedrich Gottlob Heinrich (1737–1787)
  • Friedrich Carl Leopold (1787–1801)
  • Friedrich Heinrich Ludwig (1801–1879)

Principi di Solms-Baruth[modifica | modifica wikitesto]

  • Friedrich I (1879–1904), dal 1888
  • Friedrich II (1904–1920)
  • Friedrich III (1920–1951)
  • Friedrich IV (1951-2006)
  • Friedrich V (2006 -)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]