Solino (film 2002)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Solino
Titolo originale Solino
Paese di produzione Germania, Italia
Anno 2002
Durata 124 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Fatih Akin
Soggetto Ruth Toma
Sceneggiatura Ruth Toma
Produttore Michael André, Hejo Emons, Andreas Schreitmüller, Stefan Schubert, Ralph Schwingel, Claudia Schröder, Ute Krämer, Michael Weber, Alessandro Passadore
Produttore esecutivo Anita Elsani
Fotografia Rainer Klausmann
Montaggio Andrew Bird
Musiche Jannos Eolou
Scenografia Michael Pfalzer, Bettina Schmidt
Costumi Lucia Faust
Trucco Anja Kästle, Waldemar Pokromski, Katia Sisto
Interpreti e personaggi

Solino è un film del 2002 diretto da Fatih Akin, con Barnaby Metschurat, Moritz Bleibtreu e Gigi Savoia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La pellicola narra della storia di una famiglia italiana emigrata in Germania negli anni settanta. Il padre Romano (Gigi Savoia) decide di aprire una pizzeria che, di comune accordo con la moglie Rosa (Antonella Attili) chiamerà Solino, nella quale farà lavorare i figli Gigi (Barnaby Metschurat) e Giancarlo (Moritz Bleibtreu). Tra il padre e i figli si crea un rapporto ostile che sfocerà nella fuga dei ragazzi dalla famiglia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema