Solfato di protamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il solfato di protamina è una proteina basica ad elevato contenuto di arginina[1].

Essa, legandosi all'eparina, ne antagonizza gli effetti anticoagulanti, ed interferisce altresì con i processi della coagulazione anche se somministrata in assenza di eparina, essendo in grado di interferire autonomamente in senso anticoagulante con piastrine e fibrinogeno.

Si somministra e.v. seguendo questo schema: 1 mg ogni 100 U di eparina in circolo. Possibili effetti indesiderati: ipersensibilità, dispnea, vampate di calore, bradicardia e, in seguito ad iniezione rapida, ipotensione.

Oltre che in ambito medico, la solfato di protamina è anche usata in proteomica (similmente alla streptomicina solfato), per la precipitazione degli acidi nucleici e dei ribosomi nella chiarificazione dell'estratto proteico prima della centrifugazione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ MeSH