Soft drink

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un grosso bicchiere di soft drink mentre viene bevuto

Soft drink è il termine di lingua inglese, corrispondente all'italiano bibita[1], con cui vengono indicate alcune bevande non alcoliche a base di acqua naturale o acqua gassata con carbonato di sodio (volgarmente: soda) e quasi sempre addizionata ad aromi e sostanze dolci (generalmente zucchero oppure dolcificanti o fruttosio, maggiormente indicati questi ultimi nei diet drink destinati a chi segue una dieta a basso regime calorico). Tali bevande possono contenere anche caffeina e/o gomma arabica e vengono utilizzate a volte a integrare cocktail.

In Italia i più comuni e diffusi fra i soft drink sono la classica gassosa, il chinotto, l'acqua tonica, le spume all'arancia, al cedro o al pompelmo o le bibite a base di cola.

Per il confezionamento dei soft drink è diffusa, oltre a quella per l'imbottigliamento in bottiglie di normali o ridotte dimensioni in vetro o plastica PET, l'industria di produzione dei cosiddetti tappi a corona.

Un particolare poco conosciuto è dato dal fatto che un tempo un'industria che si occupava con un'apposita branca aziendale all'imbottigliamento di soft drink era la RKO Pictures, colosso della cinematografia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La Nehi è stato un tipico soft drink in uso negli Stati Uniti negli anni venti

Questo tipo di bevande vengono spesso indicate con nomi differenti, mutuati da quelli in uso sul mercato anglosassone: pop, soda, coke, soda pop, fizzy drink, tonic o carbonated beverage. Prodotti come le bevande energetiche in uso fra gli sportivi e i succhi di frutta in genere non sono considerati soft drink, così come non lo possono essere le bevande calde a base di cioccolata, the, caffè e latte (inclusi frullati e frappé).

Solitamente serviti freddi o a temperatura ambiente, i soft drink sono così chiamati in contrasto con quelli che vengono definiti - sempre sul mercato anglosassone - hard drinks, ovvero le bevande alcoliche. Piccole quantità di etanolo, tuttavia, possono essere presenti anche nei soft drink, sebbene il titolo alcolometrico non possa superare lo 0.5% del volume totale[2][3] del prodotto nel caso in cui il drink debba essere classificato come analcolico.[4]

I più diffusi soft drink sono, oltre alle già citate cole, spume e gassose, la limonata e l'aranciata, oltre alle bibite a base di lime, la root beer (un particollare tipo di birra gassata diffusa in Nordamerica), la grape soda, la cream soda a base di vanillina, il ginger ale, il punch a base di frutta da servire freddo e senza alcool (Delaware Punch), lo squash a base di sciroppo di frutta, lo Julmust.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un bicchiere di cola

I primi soft drink non-carbonati ad essere commercializzati nel mondo occidentale furono preparati nel XVII secolo. Essi erano composti da acqua e da succo di limone reso dolce con del miele. Nel 1676 una Compagnie des Limonadiers di Parigi si assicurò il monopolio per la vendita di questo tipo di bevande ai passanti assetati ai quali venivano distribuite coppe riempite da piccole damigiane caricate sulle spalle dei venditori ambulanti.

Nel XVIII secolo la scienza contribuì notevolmente nella creazione di quelle che sarebbero state poi le moderne acque minerali. Fu nel 1767 che l'inglese Joseph Priestley per primo scoprì un metodo per infondere nell'acqua l'anidride carbonica così da creare l'acqua gassata. L'esperimento di Priestley avvenne in una birreria di Leeds.[5] scoprì la soda water, ovvero il componente della maggior parte dei soft drink[6] Priestley si rese conto che l'acqua, sebbene trattata, aveva un gusto gradevole e la offrì agli amici come bibita rinfrescante. Nel 1772 lo scienziato pubblicò un trattato intitolato Impregnating Water with Fixed Air in cui descriveva la distillazione il cosiddetto oil of vitriol (olio di vetriolo, ovvero acido solforico) utile per produrre gas da anidride carbonica e favorirne la sua dissoluzione in un contenitore nel quale veniva agitata dell'acqua.[6]

Un altro inglese, John Mervin Nooth implementò la scoperta di Priestley producendo un'apparecchiatura di uso commerciale destinata alle farmacie. Il chimico svedese Torbern Bergman, poi, inventò a sua volta un apparecchio per la generazione di acqua gassata mediante gesso e acido solforico. Con questo sistema si poteva produrre un'imitazione dell'acqua minerale in notevole quantità. Nel tardo XVII secolo, infine, il chimico svedese Jöns Jacob Berzelius iniziò ad aggiungere aromi (spezie, succhi di frutta e vino) all'acqua gassata.

Effetti sulla salute[modifica | modifica wikitesto]

Soft drink in un supermercato

Il consumo di bibite zuccherate è associato ad obesità[7][8], diabete mellito di tipo 2, carie dentaria e bassi livelli nutrizionali.[8] Studi sperimentali tendono a sostenere un ruolo causale per le bibite analcoliche zuccherate in rapporto a questi malanni[7][8] anche se ciò è messo in dubbio da altri ricercatori[9][10]. È da intendere che le bevande edulcorate comprendono tanto quelle che utilizzano lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, così come quelli che usano saccarosio. Molte bibite contengono ingredienti che sono essi stessi fonte di preoccupazione: la caffeina, se consumata in eccesso, è causa del favorimento di stati di ansia e disturbi del sonno.[11]

Restano controverse invece le valutazioni sugli effetti in rapporto alla salute dello sciroppo di mais ad alto fruttosio e dei dolcificanti artificiali. Il benzoato di sodio è stato studiato come una possibile causa di danni al DNA e come causa di iperattività. Altre sostanze hanno effetti negativi sulla salute, ma sono presenti in quantità talmente piccole che sono probabilmente ininfluenti a determinare un sostanziale rischio per la salute. Il benzene appartiene a questa categoria. Quantità di benzene nelle bevande analcoliche è infatti abbastanza piccolo e comunque da considerare come che è improbabile rischio per la salute. [12]

Nel 1998, il Center for Science in the Public Interest ha pubblicato un rapporto sui possibili danni alla salute prodotti dai soft drink intitolato Liquid Candy: How Soft Drinks are Harming Americans' Health. La relazione ha esaminato le statistiche relative al consumo dei soft drink, in particolare da parte dei più giovani, e le conseguenze sulla salute, incluse le malattie che possono riguardare il cuore. Ha inoltre esaminato commercializzazione di bevande analcoliche e formulato varie raccomandazioni volte a ridurre, o quantomeno a contenere, il consumo di soft drink.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Voce bibita nel Vocabolario Treccani online Vedi
  2. ^ Electronic Code of Federal Regulations, United States Government. URL consultato il 25 febbraio 2011. Vedi §7.71, paragrafi (e) ed (f).
  3. ^ (EN) What Is Meant By Alcohol-Free? : The Alcohol-Free Shop
  4. ^ Bangor Daily News, 8 aprile 2010. (EN) Vedi
  5. ^ Mary Bellis, Joseph Priestley - Soda Water - Joseph Priestly, Inventors.about.com, 6 marzo 2009. URL consultato l'8 giugno 2009.
  6. ^ a b Truetex.com
  7. ^ a b V.S. Malik, M.B. Schulze e F.B. Hu, Intake of sugar-sweetened beverages and weight gain: a systematic review in American Journal of Clinical Nutrition, vol. 84, nº 2, 2006, pp. 274–28, PMID 16895873.
  8. ^ a b c L.R. Vartanian, M.B. Schwartz e K.D. Brownell, Effects of soft drink consumption on nutrition and health: a systematic review and meta-analysis in American Journal of Public Health, vol. 97, nº 4, 2007, pp. 667–675, DOI:10.2105/AJPH.2005.083782, PMC 1829363, PMID 17329656.
  9. ^ Sigrid Gibson, Sugar-sweetened soft drinks and obesity: a systematic review of the evidence from observational studies and interventions in Nutrition Research Reviews, vol. 21, nº 2, 2008, pp. 134–147, DOI:10.1017/S0954422408110976, PMID 19087367.
  10. ^ E. Wolff e M.L. Dangsinger, Soft drinks and weight gain: How strong is the link? in Medscape Journal of Medicine, vol. 10, nº 8, 2008, p. 189.
  11. ^ BBC Fizzy drinks 'affect children's sleep' 8 gennaio 2003
  12. ^ New Zealand Food Safety Authority / Te Pou Oranga kai O Aotearoa Benzene in flavoured drinks
  13. ^ Michael F Jacobson PhD, Liquid Candy: How Soft Drinks are Harming Americans' Health, (CSPI, Washington DC 1998; 2nd Ed. 2005).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina