Sofianismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Icona russa. Sofia: la Santa saggezza (1812)

Il sofianismo o sofiologia è una corrente teologica mistica sviluppatasi in Russia nel Novecento, che, ispirandosi al Cristianesimo orientale e riprendendo elementi gnostici e neoplatonici, concepisce la Chiesa e la storia come manifestazione della "Sofia".[1], un'entità intesa come «eterna armonia», «unità prodotta dal divino organismo di Cristo», «umanità ideale perfetta, contenuta ab aeterno nell’essenza totale di Dio o di Cristo»[2]

Capostipite del sofianismo è considerato Sergej Nikolaevič Bulgakov che chiamò il suo pensiero filosofico-teologico "sofiologia", incentrandolo sul concetto di Sofia che sola può rappresentare la religiosità orientale del tutto diversa da quella occidentale fondata su i principi di grazia, libertà, giustificazione ecc. La Sofia, le cui radici filosofiche sono in Origene e Clemente Alessandrino, è presente da molti secoli nella liturgia e nel culto orientale che proprio in suo onore fece erigere a Costantinopoli la basilica chiamata "Haghia Sophia" risalente al IV secolo.

Sezione del disegno architettonico originale di Santa Sofia.


Secondo il sofianismo la Sofia è presente dappertutto: in Dio in modo infinito e nell'uomo in modo finito: essa è la forza unificatrice del Tutto: «[la Sofia] non è né cielo né terra: essa è la grande volta del cielo che s'inarca sopra la terra. Qui non c'è né Dio né uomo, in essa vive la divinità stessa, essa è il riparo divino sopra il mondo.»[3]

Gli interpreti più importanti di questo pensiero teologico che si rifà anche al misticismo di Jakob Böhme e ai valori simbolici della liturgia bizantina, furono Vladimir Sergeevič Solov'ëv, Pavel Aleksandrovič Florenskij e i poeti simbolisti Aleksandr Aleksandrovič Blok e Vjačeslav Ivanovič Ivanov.

Secondo Solov'ëv la Sofia si incarna in Cristo e nella Chiesa, è l'«eterna amica». l'«essere reale e femminile: la vera e pura intera umanità». Per Bulgakov la "Sapienza" è l'«eterna femminilità» che si sta progressivamente attuando nella storia. Secondo Florenskij la Sofia è la quarta "ipostasi" che ispira di sé e unifica in sé la Trinità.[4]

In tutti i sofiologi si riscontra inoltre il tentativo di introdurre, sia pure misticamente, l'elemento femminile, incarnato come saggezza, nel divino.

Il sofianismo fu per questo condannato dal teologo ortodosso Vladimir Lossky che vedeva nella Sofia un'eretica commistione fra lo Spirito Santo e la Vergine Maria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enciclopedia Garzanti di Filosofia alla voce corrispondente.
  2. ^ In Enciclopedia Treccani alla voce "Sofiologia"
  3. ^ Battista Mondin, Storia della teologia: Epoca contemporanea, Edizioni Studio Domenicano, 1997, p.574
  4. ^ In Enciclopedia Garzanti di Filosofia, ed.1981, p.879

Bibliografía[modifica | modifica wikitesto]

Antica icona di Sofia a Novgorod (XV secolo)
  • Sergej Nikolaevič Bulgakov, Sophia, the Wisdom of God: An Outline of Sophiology (Library of Russian Philosophy), Lindisfarne Books, 1993.
  • Oleg A. Donskikh, ‘Cultural roots of Russian Sophiology’, Sophia, 34(2), 1995, pp38-57
  • Priscilla Hunt, "The Wisdom Iconography of Light: The Genesis, Meaning and Iconographic Realization of a Symbol" due to appear in “'Spor o Sofii' v Khristianskoi Kul’ture", V.L. Ianin, A.E. Musin, ed., Novgorodskii Gos. Universitet, forthcoming in 2008
  • Priscilla Hunt, "Confronting the End: The Interpretation of the Last Judgment in a Novgorod Wisdom Icon", Byzantino-Slavica, 65, 2007, 275-325
  • Priscilla Hunt, "The Novgorod Sophia Icon and 'The Problem of Old Russian Culture' Between Orthodoxy and Sophiology", Symposion: A Journal of Russian Thought, vol. 4-5, (2000), 1-41
  • Priscilla Hunt "Andrei Rublev’s Old Testament Trinity Icon in Cultural Context", The Trinity-Sergius Lavr in Russian History and Culture: Readings in Russian Religious Culture, vol. 3, Deacon Vladimir Tsurikov, ed., Jordanville, NY: Holy Trinity Seminary Press, 2006, 99-122
  • Caitlin Matthews, Sophia: Goddess of Wisdom (London: Mandala, 1991)
  • Brenda Meehan, ‘Wisdom/Sophia, Russian identity, and Western feminist theology’, Cross Currents, 46(2), 1996, pp149-168
  • Thomas Schipflinger, Sophia-Maria (in German: 1988; English translation: York Beach, ME: Samuel Wiser, 1998)
  • Mikhail Sergeev, Sophiology in Russian Orthodoxy: Solov’ev, Bulgakov, Losskii, Berdiaev (Edwin Mellen Press, 2007)
  • Arthur Versluis, Theosophia: hidden dimensions of Christianity (Hudson, NY: Lindisfarne Press, 1994)
  • Arthur Versluis, Wisdom’s children: a Christian esoteric tradition (Albany, NY: SUNY Press, 1999)
  • Arthur Versluis (ed.) Wisdom’s book: the Sophia anthology (St.Paul, Min: Paragon House, 2000)