Sofia di Brunswick-Lüneburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Brunswick e Lüneburg
Hannover
Braunschweig-Lüneburg.PNG

Guglielmo
Ernesto II
Cristiano
Augusto
Federico
Giorgio
Cristiano Luigi
Giorgio Guglielmo
Giovanni Federico
Ernesto Augusto
Giorgio I di Gran Bretagna
Modifica
Ritratto di Sofia di Brunswick-Lüneburg.

Sofia di Brunswick-Lüneburg (Celle, 30 ottobre 1563Norimberga, 14 gennaio 1639) fu una principessa del Brunswick-Lüneburg e margravia del Brandeburgo-Ansbach e Brandeburgo-Kulmbach e Duchessa di Krnov.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era la primogenita del duca di Brunswick-Lüneburg Guglielmo e della principessa Dorotea di Danimarca. Suo nonno materno fu infatti il re Cristiano III di Danimarca.

Sofia andò sposa a Giorgio Federico di Brandeburgo-Ansbach, uno dei personaggi più rilevanti dell'epoca essendo margravio di Ansbach e Bayreuth e reggente del Ducato di Prussia. Le nozze vennero celebrate a Dresda il 3 maggio 1579. Per Giorgio Federico, ultimo reggente della linea franca degli Hohenzollern, si trattava del secondo matrimonio dopo quello con Elisabetta di Brandeburgo-Küstrin rimasto senza figli.

Neanche Sofia tuttavia riuscì a dare eredi al marito decretando così, alla morte del marito nel 1604, l'estinzione della suddetta linea e la successione dell'Ansbach e del Bayreuth a favore dei principi Gioacchino Ernesto di Brandeburgo-Ansbach e Cristiano di Brandeburgo-Bayreuth. La successione avvenne secondo quanto stabilito nel trattato di Gera stipulato nel 1598[1].

Dopo esser rimasta vedova Sofia tornò nel paese di origine e andò a vivere con le sorelle Clara e Sibilla a Norimberga dove morì 36 anni dopo il marito[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Baresel-Brand: Grave monuments of northern European royal houses in the Age of the Renaissance 1550-1650, volume 9 of Construction + Art, Verlag Ludwig, 2007, p. 145
  2. ^ Franz von Soden: War and moral history of the city of Nuremberg, Bläsing, 1860, pp. 11, 64, 478

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]