Sofia Vasa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Re di Svezia
Casato di Vasa
Armoiries rois Vasa de Suède.svg

Gustavo I (1523-1560)
Erik XIV (1560-1568)
Giovanni III (1568-1592)
Sigismondo I (1592-1599)
Carlo IX (1599-1611)
Gustavo II Adolfo (1611-1632)
Cristina (1632-1654)
Ritratto della principessa Sofia di Svezia
Ritratto del Castello di Ekolsund

Sofia Vasa (Stoccolma, 29 ottobre 1547Ekolsund, 17 marzo 1611) fu una principessa svedese e duchessa di Sassonia-Lauenburg.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Gustavo I di Svezia e della seconda moglie Margherita Leijonhufvud.

Venne data in moglie al duca Magnus II di Sassonia-Lauenburg, che sposò a Stoccolma il 4 luglio 1568[1].

Suo marito era alcolizzato cronico e soffriva di violenti accessi, durante i quali maltrattava sia i servi che la moglie. Violentò la moglie sia fisicamente che psicologicamente portandola alla follia. Le ragioni di questa violenza sono, forse, da rinvenire nella gelosia.

Diede un solo figlio al marito:

L'unione venne sciolta dal re Giovanni III di Svezia che cacciò via il cognato dalla Svezia nel 1578 e concesse alla sorella i feudi di Ekolsund e Vänngarn per permetterle di sopravvivere. Nel 1597 Sofia ricevette anche i feudi di Lagunda e Håbo.

Visse il resto della vita in solitudine nel castello di Ekolsund, rimanendo mentalmente instabile a causa delle violenze subite. Recuperò col tempo in parte la sanità mentale tanto da occuparsi dell'amministrazione della sua vita domestica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vasa

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]