Sockpuppet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'utente fantoccio è come un calzino animato con cui si finge di discutere, un alter ego "manovrato"

Il termine sockpuppet (proveniente dalla lingua inglese, la cui traduzione letterale è calzino fantoccio, in italiano reso a volte con fantasmino o clone[senza fonte]) nel gergo di internet, si riferisce ad un account aggiuntivo creato da un membro già iscritto ad una comunità di Internet.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Il termine significa letteralmente "burattino fatto con un calzino", sottintendendo che nel calzino si cela una mano, come quando il burattinaio o il ventriloquo si crea un alter ego con cui finge di dialogare. Il termine fu usato per la prima volta in un post del 9 luglio 1993[1].

Scopi di utilizzo[modifica | modifica sorgente]

I suddetti utenti-fantoccio possono essere creati per diversi scopi:

Negativo[modifica | modifica sorgente]

La creazione non dichiarata di un sockpuppet è generalmente ritenuto un comportamento scorretto dalle comunità online e per questo motivo, agire in tal modo è spesso vietato dalla netiquette.

Un particolare tipo di sockpuppet è il cosiddetto "uomo di paglia" (dall'inglese straw man sockpuppet), creato da utenti che, avendo un certo punto di vista su un argomento, si comportano ad arte come se ne avessero uno diametralmente opposto, per ottenere lo scopo di far apparire quest'ultimo come sbagliato e cattivo. Spesso questi utenti fanno esprimere ai loro finti oppositori argomenti particolarmente deboli, in modo da poterli controbattere e facilmente confutare. Il sockpuppet diventa così la personificazione degli argomenti dell'uomo di paglia, il quale finisce per apparire, a seconda dei casi, stupido, disinformato, bigotto, settario, prepotente. Il risultato finale è quello di creare una sorta di rumore di fondo che rende incomprensibile e oscuro il dibattito, fino a poter impedire del tutto un serio dialogo dei punti di vista. Il sockpuppet può quindi essere confuso con il troll, ma si distingue da quest'ultimo per il fine, che non è tanto di seminare discordia nella comunità quanto di screditare un'opinione o un modo di pensare a lui particolarmente avverso.

Positivo[modifica | modifica sorgente]

Diverso è il caso di un sockpuppet creato dichiaratamente: in questo caso, l'utente principale crea un'utenza alternativa con nome (nickname) simile, al fine di evitare che altri utenti possano usare quest'ultimo per registrarsi, generando confusione tra le utenze (in questo caso, il sockpuppet è detto doppelgänger). Altro uso dichiarato e legittimo di un sockpuppet è quello che si adotta per accedere a una comunità attraverso il computer pubblico di un Internet point: questa prassi consente all'utente principale di mettersi al riparo da un keylogger.

Smascheramento[modifica | modifica sorgente]

Sebbene si sospetti della presenza dei sockpuppet, non è facile smascherarli, anche perché spesso agiscono secondo uno stile comportamentale di natura schizofrenica, ben radicato anche nella vita reale di molte persone, che quindi, quando sono online, si immedesimano con grande naturalezza in questo ruolo. In altri casi più rari invece, tale comportamento è dovuto a uno studio molto approfondito della psicologia; in tal modo i derivati riescono ad essere facilmente identificati poiché attuano forme di dibattito simili al marketing virale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Paul McFedries, La storia del sock puppeting, Wordspy.com, 25 settembre 2006. URL consultato il 14 dicembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]