Sociologia urbana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sociologia urbana è lo studio sociologico della vita sociale e dell'interazione umana nelle aree metropolitane. Si inserisce nel quadro della teoria sociologica generale. Anch'essa studia i principali processi sociali ma si concentra sull'analisi del rapporto tra uomo e ambiente, e nello specifico tra uomo e città. È una disciplina normativa della sociologia la ricerca nell'ambito delle strutture, dei processi, dei cambiamenti e dei problemi di un'area urbana e, in tal modo, provvedere a input per la pianificazione urbanistica e la costruzione di politiche.

Come la maggior parte delle aree della sociologia, i sociologi urbani usano metodi come l'analisi statistica, osservazione, teoria sociale, interviste e altri per studiare un vasto ambito di argomenti, che comprendono migrazioni, andamenti demografici, economia, povertà, relazioni razziali ecc.

Storia e approcci[modifica | modifica sorgente]

Si possono distinguere alcuni diversi approcci all'interno della sociologia urbana.

Nel corso della rivoluzione industriale, sociologi come Max Weber ed Émile Durkheim si concentrarono sull'aumento dell'urbanizzazione della vita sociale e sugli effetti che produceva nelle persone nei sentimenti di alienazione e anonimato. Autori come Max Weber, Lewis Mumford o Friedrich Engels possono essere ricondotti alla prospettiva storica che si interessa degli aspetti sociali e politici che intervengono nella formazione ed evoluzione della città. La prospettiva urbanistica comprende invece Ebenezer Howard, Camillo Sitte, Le Corbusier, Frank Lloyd Wright e afferma che modificando gli spazi urbani si può contribuire a determinare il benessere e la serena convivenza di una società.

Fondamentale nella sociologia urbana è la prospettiva della scuola ecologica di Chicago di Robert Park, Ernest Burgess e Roderick McKenzie, autori del fondamentale saggio La città, pubblicato nel 1915. In questa prospettiva la città, vista come un ambiente naturale e come un modello biologico, è caratterizzata da meccanismi di competizione, simbiosi e dominanza. Molte delle affermazioni della Scuola di Chicago sono state ridefinite o rifiutate, ma è tutt'oggi parte dell'insegnamento odierno della disciplina.

Parte della sociologia urbana si concentra sullo studio della personalità urbana e dei comportamenti che avvengono all'interno della città. È questo il caso di Georg Simmel e della scuola psicologico-sociale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alfredo Mela, Maria Carmen Belloni; Luca Davico, Sociologia e progettazione del territorio, Roma, Carocci editore, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

sociologia Portale Sociologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sociologia