Sociologia dello sviluppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sociologia dello sviluppo è una disciplina che nasce nella seconda metà del novecento (anche se alcuni studi erano stati compiuti già nella seconda metà dell'Ottocento) come alternativa all'economia dello sviluppo.

I primi studi, come osservano Trigilia (2009) e Scidà (2007), sono di Bert F. Hoselitz e Marion Levy (1966), in ambito struttural-funzionalista. Essi sono i primi a sottolineare come lo sviluppo economico dei paesi arretrati sia condizionato da aspetti relativi alla cultura e alla struttura sociale.

Per decenni il concetto di sviluppo era rimasto legato ad un'idea di progresso come miglioramento, soprattutto a causa della visione positivista della scienza e dell'illuminismo.

La disciplina comunque è solo recentemente divenuta una componente quasi indipendente della sociologia, infatti essa è riconducibile, in modo più generale, alla branca della sociologia definita sociologia economica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Trigilia, Sociologia economica, il Mulino, Bologna, 2008
  • Giuseppe Scidà, Avventure e disavventure della sociologia dello sviluppo, FrancoAngeli, Milano, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]