Società dei chierici militanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Società dei Chierici Militanti
Leader Mohammed Musavi Kohiniha
Stato Iran Iran
Fondazione 1988
Ideologia Sinistra islamica
Riformismo,
Islamismo moderato,
Democrazia islamica

La Società dei chierici militanti (in persiano مجمع روحانیون مبارز, majma'-e rowhāniyūn-e mobārez), tradotta anche Lega dei chierici militanti, è un partito politico iraniano riformista, relativamente moderato, fondato il 16 marzo 1988.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le tensioni in seno al Partito della Repubblica Islamica condussero al suo scioglimento nel 1987. La Società dei chierici militanti si formò radunando i membri che avevano un orientamento moderatamente socialista, favorendo «l'esportazione della Rivoluzione e il ricorso al monopolio di Stato sull'economia».[1].

Dopo le dimissioni di Mehdi Karrubi dalla carica di Segretario Generale, il partito non ha più eletto un suo Segretario Generale fino all'agosto del 2005, quando Mohammad Musavi Khoeiniha è stato eletto a questa carica. Mohammad Khatami, ex Presidente della Repubblica iraniana, è presidente del Comitato Centrale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ahmad Mneisi, The power shift within Iran's right wing [1] Centro di studi politici e strategici Al-Ahram.