Soava Gallone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Soava Gallone

Soava Gallone pseudonimo di Stanislava Winawer (Varsavia, 21 marzo 1880Roma, 30 marzo 1957) è stata un'attrice e sceneggiatrice polacca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia della scrittrice polacca Regina Winawer e di un professore di matematica, studiò medicina, musica e recitazione a Parigi. Dopo un matrimonio andato male[1], nel 1911 si trasferì in Italia, e durante una vacanza a Sorrento assieme alla madre e al fratello Jozef Winawer, conobbe Carmine Gallone, di sei anni più giovane che di lì a poco divenne suo marito.

Tentò la carriera teatrale, ma ciò fu ostacolato a causa del suo forte accento straniero, e iniziò così la sua attività cinematografica, alla Cines di Roma nel 1913, assieme al marito. Assunto il nome d'arte di Soava Gallone, ed essendo muto il cinema dell'epoca, l'attrice polacca poté lavorare tranquillamente, e ciò le consentì di recitare in oltre una quarantina di film girati fino al 1929, diretti quasi tutti dal suo consorte, che ebbe il merito di valorizzarla artisticamente.

Tra i migliori film della sua carriera vanno ricordati La storia di un peccato (1918), Il bacio di Cirano (1919), e in particolar modo Maman Poupée (1919), un soggetto originale di Washington Borg, Amleto e il suo clown (1920) e La cavalcata ardente (1925). Scrisse anche alcuni soggetti come quello del film La chiamavano Cosetta del 1917, della quale fu interprete.

Del 1930 il suo unico film sonoro, nonché l'ultimo della carriera, Il segreto del dottore, girato in italiano negli studi francesi della Paramount.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Soava Gallone nel film Il segreto del dottore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L. D'Ambra, Gli anni della feluca (a cura di G. Grazzini), Lucarini, 1989, p. 168

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • S. D'Amico - Enciclopedia dello Spettacolo vol. 5 - Roma, Unedi, 1975.
  • A. Dalle Vacche - Diva: defiance and passion in early Italian cinema - Austin, TX, University of Texas Press, 2008, ISBN 0292717113.
  • V. Martinelli - Le dive del silenzio, Bologna, edizioni Cineteca di Bologna, 2001, ISBN 8880121774.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]