So Long and Thanks for All the Shoes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
So Long and Thanks for All the Shoes
Artista NOFX
Tipo album Studio
Pubblicazione 21 ottobre 1997[1]
Durata 30 min : 04 s[1]
Dischi 1
Tracce 16
Genere Skate punk[1]
Alternative rock[1]
Punk revival[1]
Pop punk[1]
Etichetta Epitaph Records[1]
Produttore Ryan Greene[2]
Fat Mike[2]
Registrazione agosto 1997[1]
NOFX - cronologia
Album precedente
(1996)
Album successivo
(2000)
(EN)
« It's funny how nothing seems much fun anymore to me now that I quit the drink, 'cause soberness it might be what I need, but it's certainly not how I wanna be »
(IT)
« E' divertente come niente sia più divertente per me, ora che ho smesso di bere, perché la sobrietà sarebbe quello di cui ho bisogno, ma certamente non quello che voglio »
(NOFX - Quart in Session - So Long and Thanks for All the Shoes)

So Long and Thanks for All the Shoes è un album dei NOFX del 1997 pubblicato dalla Epitaph Records[1]. Nel 2006 si è classificato 23º nella classifica dei migliori 50 album punk di sempre stilata da Kerrang! e risulta essere il secondo album degli ultimi tredici anni (dopo Enema of the State dei blink-182), sempre secondo questa classifica[3].

Il titolo dell'album è un riferimento a tutte le scarpe lanciate alla band durante le numerose esibizioni dal vivo, e richiama il romanzo Addio, e grazie per tutto il pesce (So long, and thanks for all the fish) di Douglas Adams appartenente alla serie Guida galattica per gli autostoppisti[4].

Ha raggiunto la posizione numero 79 nella classifica Billboard 200[5].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. It's My Job to Keep Punk Rock Elite - 1:20
  2. Kids of the K-hole - 2:17
  3. Murder the Government - 0:46
  4. Monosyllabic Girl - 0:54
  5. 180 Degrees - 2:10
  6. All His Suits Are Torn - 2:18
  7. All Outta Angst - 1:52
  8. I'm Telling Tim - 1:17
  9. Champs Elysées - 2:02 (cover di Joe Dassin)
  10. Dad's Bad News - 2:02
  11. Kill Rock Stars - 1:32
  12. Eat the Meek - 3:30
  13. The Desperation's Gone - 2:24
  14. Flossing a Dead Horse - 1:45
  15. Quart in Session - 1:36
  16. Falling in Love - 2:17

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[2][modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Scheda dell'album su All Music Guide. URL consultato il 03/06/2010.
  2. ^ a b c (EN) All Music Guide. URL consultato il 03/06/2010.
  3. ^ Kerrang posts list of top 50 punk albums of all time., punknews.org. URL consultato il 05-03-10.
  4. ^ (EN) So Long and Thanks for All The Shoes. URL consultato il 7 luglio 2013.
  5. ^ (EN) Billboard.com. URL consultato il 03/06/2010.
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk