Smbat I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Smbat I
Re
Bagrotuniflagx.jpg Dinastia Bagratidi
In carica 890 –
912
Armenia
Incoronazione 892[1]
Predecessore Ashot I
Successore Ashot II
Morte 912
Dinastia Bagratidi
Padre Ashot I
Religione Chiesa apostolica armena

Smbat I, (in armeno: Սմբատ Ա.), detto il Martire (850912), è stato un sovrano armeno del Regno di Armenia.

Il regno di Smbat I fu un periodo di guerre interminabili contro i conquistatori arabi e i nobili armeni ribelli. Combatté con risultati altalenanti contro Afshin, il rappresentante del Califfo in Atropatene, ma fu sconfitto da Yusuf, il fratello di Afshin. Successivamente, fu tradito da Gagik Artsruni e Sparapet Ashot, che si proclamarono indipendenti dalla sovranità di Smbat. Verso la fine del regno di Smbat, Yusuf gli mosse di nuovo guerra. La moglie di Smbat fu catturata e scambiata con suo figlio Mushegh e il suo nipote Smbat, che furono poi avvelenati da Yusuf. L'esercito di Yusuf predò il resto dell'Armenia mentre avanzava verso la Fortezza Blu, in cui si era rifugiato Smbat, e la tenne in assedio per qualche tempo. Nel 912, Smbat decise di arrendersi a Yusuf, con la speranza di porre termine all'assalto degli arabi. Yusuf, comunque, non mostrò alcuna compassione verso il suo prigioniero: infatti, torturò il re armeno fino alla morte e pose in mostra il suo corpo decapitato su una croce a Dvin. Gli successe suo figlio Ashot II, che fu in grado di respingere gli invasori e recare pace all'Armenia.

La Famiglia Reale[modifica | modifica sorgente]

I fratelli di Smbat furono Shapuh, Sparapet di Armenia, e David, principe reggente (Ishkhan) di Armenia. Alla sua morte, Shapuh fu sepolto nella tomba di famiglia di Bagaran e il re Smbat lo sostituì con suo figlio Ashot. Ashot costruì la chiesa di Bagaran sulle rive del fiume Akhurian. Lo stesso Ashot fu successivamente nominato re da Yusuf in contrapposizione ad Ashot II in un tentativo di dividere l'Armenia, un piano che fallì però dopo due anni di guerra civile (912-914). Smbat ebbe almeno due sorelle, Mariam e Sofia. Mariam fu considerata una santa donna. Ebbe i figli Grigor, Sahak e Vasak. Il principe Grigor fu avvelenato da Yusuf mentre Sahak e Vasak si rifugiavano a Sevanavank. Yusuf li perseguitò e così essi, con la loro madre, le famiglie e le ricchezze che erano in grado di portare con loro, fuggirono verso est. Si ritirarono a Artsakh, dove la loro madre morì. Dopo alcuni anni, quando la famiglia riconquistò le sue terre, il suo corpo fu traslato e sepolto nella chiesa che Mariam aveva fatto edificare in un luogo chiamato Soghaka. La sorella Sofia si sposò con Krikor Artsruni ed ebbe i figli Ashot, Sofia, Gagik e Gurgen. Gagik fu un principe ambizioso, che governò Vaspurakan e sfidò la sovranità di suo zio il re Smbat.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Incoronato in Erazgavors dal rappresentante del Califfo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • J. Muyldermans, La Domination arabe en Arménie, Paris, 1927, p. 144
  • F. Macler, Armenia, The Kingdom of the Bagratides, The Cambridge Ancient History, vol. IV, p. 161.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Armenia Successore
Ashot I 890 - 912 Ashot II