Smaltatura ad aerografo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cartello stradale smaltato

Per smaltatura ad aerografo su supporto ceramico si intende nello specifico l'applicazione di uno smalto, cristallina, allo stato di sospensione acquosa, per mezzo di un dispositivo detto appunto aerografo. L'aerografo per uso manuale è composto principalmente da un corpo in lega di alluminio o acciaio, munito di un serbatoio atto a contenere lo smalto da adoperare e da un ugello azionato da un vero e proprio grilletto, che consente la spruzzatura dello smalto sull'oggetto. L'ugello dovrebbe essere in materiale non metallico per non essere esposto all'azione erosiva che la silice presente nello smalto esercita sullo stesso. Alcuni modelli di aerografo sono muniti di un regolatore del getto e quindi anche della quantità di smalto che verrà inviata sulla superficie da trattare. Questi ultimi vengono impiegati quando la superficie del manufatto è di dimensioni considerevoli. L'aria compressa necessaria al funzionamento dell'aerografo è fornita da un compressore d'aria con il suo serbatoio. Questo dispositivo, funzionente ad energia elettrica, è reperibile sul mercato in svariati modelli (e prezzi) a seconda dell'uso che si intende farne; è una macchina costruita secondo le norme di sicurezza ed è provvista anche degli organi di regolazione della pressione che verrà applicata all'aerografo. Comunemente questa non supera il valore di 3 bar misurati al calcio dell'aerografo e rilevati tramite lettura nel manometro del compressore. Ogni produttore di aerografi dichiara la pressione ottimale da applicare all'aerografo stesso. Il prodotto (smalto) allo stato di sospensione acquosa da applicare sul biscotto deve seguire una proporzione acqua-prodotto in polvere dettata dalle esigenze specifiche a da prove empiriche che si eseguono prima di effettuare la smaltatura. Esempio: per un comune smalto bianco da maiolica la diluizione accademica è 600  g di smalto e i restanti 400  g d'acqua, lo stesso usato per spruzzatura dev'essere più diluito e la diluizione ottimale la si ottiene per tentativi, specialmente quando l'oggetto da trattare è frutto di una grande mole di lavoro o si deve creare una piccola produzione. La diluizione è comunque in funzione di: porosità del biscotto, del tipo di lavorazione con cui si è ottenuto lo stesso (manuale o pressa), temperatura di cottura; natura dello smalto ed eventuali "effetti speciali" che si vogliono ottenere. La smaltatura ad aerografo avviene generalmente all'interno di una specifica cabina di smaltatura, all'interno della quale vi è un dispositivo detto a velo d'acqua e atto a catturare le particelle di smalto nebulizzato che non si depositano sull'oggetto da smaltare, inoltre vi è collocato un dispositivo di aspirazione con filtri a secco o ad acqua; il funzionamento del velo d'acqua sulle pareti avviene per via di una pompa sommersa o adiacente alla vasca, la pompa effettua una mandata d'acqua a ciclo continuo. Si raccomanda sempre un ottimale funzionamento dei filtri ed aspiratori. Questa tecnica è riferita all'uso artistico e artigianale dell'aerografo a pistola, per l'uso industriale il procedimento ed il principio è simile, cambiano e quantità di aerografi disposti lungo la linea di smaltatura.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

G. Emiliani e Francesco Corbara "Collana Tecnologia Ceramica" Faenza Editrice 2002 Documentazione Tecnica compressore Fiac air Compressor S.p.A. Bologna 2005 Documentazione Tecnica aerografofo Walmec S.p.A. Treviso 2006

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura