Slipstream (letteratura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Slipstream è un termine che definisce opere letterarie di narrativa fantastica a cavallo dei confini che separano le convenzioni di un genere da quelle di un altro o altri, e che pertanto non si possono agevolmente collocare nei confini di uno solo di essi, si tratti di fantascienza o di fantasy rispetto alla narrativa cosiddetta mainstream (nel senso di "narrativa convenzionale e maggioritaria", priva di elementi fantastici).

Lo scrittore di fantascienza Christopher Priest ha scritto relativamente allo slipstream che: "In letteratura può includere Angela Carter, Steve Erickson, Paul Auster, Haruki Murakami, J. G. Ballard, Jorge Luis Borges, alcuni romanzi di John Fowles. Nel cinema sono esempi recenti di pur slipstream Memento, Essere John Malkovich e Intacto".

Il termine slipstream, limitatamente alla letteratura, venne coniato dall’autore cyberpunk e giornalista Bruce Sterling in un articolo originariamente pubblicato dalla rivista SF Eye (n. 5, luglio 1989). Egli afferma che "...questo è un tipo di scrittura che ti fa semplicemente sentire molto strano; come pure vivere nel XX secolo ti fa sentire strano, se sei una persona di una certà sensibilità". La narrativa slipstream è stata di conseguenza definita "the fiction of strangeness" (la narrativa della stranezza) che è una definizione altrettanto chiara di quelle più comunemente in uso.

Lo slipstream, per come viene indicato nel paragrafo iniziale, cade nello spazio che s'apre tra la fantascienza e la narrativa mainstream (e da questo termine deriva ovviamente slipstream). Alcuni sostenitori della letteratura mainstream tendono a evitarla perché è troppo strana, mentre alcuni fan della fantascienza tendono a evitarla perché non è abbastanza strana. Alcuni romanzi slipstream impiegano elementi tratti dalla fantasy o dal realismo magico, ma non tutti lo fanno. Il fattore comune che unifica questi testi letterari è la sensazione surreale che lasciano al lettore. La maggior parte dei lettori che non hanno mai sentito parlare di slipstream, riconosceranno I nomi di autori come Christopher Priest, Margaret Atwood, Karen Joy Fowler, Steve Erickson, Douglas Coupland e William S. Burroughs, che hanno scritto romanzi riconducibili alla definizione di slipstream.

Il concetto di slipstream coincide in parte con quelli di avantpop e New Weird; probabilmente vanno letti tutti e tre come tentativi di pensare un complesso movimento della letteratura attualmente in corso.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura