Slavi meridionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nazioni abitate da slavi meridionali (verde scuro)

Gli Slavi meridionali, o Slavi del sud, sono i discendenti delle tribù del ceppo slavo che diedero origine agli attuali popoli abitanti le Repubbliche di: Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Serbia, Montenegro, Macedonia e Bulgaria. Tribù che si stanziarono nel VI secolo nell’area compresa tra il fiume Danubio e la costa del mare Adriatico, a nord dell'attuale Grecia.

In genere i Bulgari sono considerati da molti studiosi[1] come slavi del sud, anche se hanno elementi uralo-altaici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ H.C. Darby, R.W. Seton-Watson, P. Auty, R.G.D. Laffan, S. Clissold, Storia della Jugoslavia. Gli slavi del sud dalle origini ad oggi. Torino, Einaudi, 1969. p.24

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • H.C. Darby, R.W. Seton-Watson, P. Auty, R.G.D. Laffan, S. Clissold, Storia della Jugoslavia. Gli slavi del sud dalle origini ad oggi. Torino, Einaudi, 1969.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia