Sky Ferreira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sky Ferreira
sky ferreira in concerto nel 2013
sky ferreira in concerto nel 2013
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Indie rock
Synth pop
Periodo di attività 2009 – in attività
Album pubblicati 1
Sito web

Sky Ferreira, nata Sky Tonia Ferreira (Los Angeles, 8 luglio 1992), è una cantautrice, modella e attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nativa di Venice (Los Angeles), deve il suo cognome alle origini portoghesi e brasiliane dei suoi avi.[1] All'età di tredici anni ha iniziato ad intraprendere lezioni di canto per raffinare la propria voce.[2] Quando aveva quindici anni è stata contattata dai produttori svedesi Bloodshy & Avant, che hanno deciso di lavorare con lei.[3]

Nel 2009 ha firmato per la Parlophone.[4] ed è apparsa nel video di Uffie Pop the Glock, nonché nel film indipendente Putty Hill. Nel 2010 ha iniziato a scrivere e registrare del materiale per il suo album discografico di debutto e lo ha fatto insieme a importanti produttori e co-autori come Bloodshy & Avant, Greg Kurstin, Nicole Morier, Klas Åhlund, Colin Munroe, Linda Perry e Frankmusik. Dopo la pubblicazione dei singoli 17, One e Obsession, ha annunciato la stampa dell'album prevista per il gennaio 2011.[5] Ad ogni modo questa data viene posticipata dopo la decisione di pubblicare l'EP As If!, rilasciato da Capitol Records nel marzo 2011.[6] Nello stesso periodo partecipa alla campagna pubblicitaria della fragranza One di Calvin Klein.[7]

Nel novembre 2011 annuncia su Facebook la pubblicazione di un singolo per il febbraio 2012 e dell'album per i mesi successivi. Inoltre annuncia di essere al lavoro con Jon Brion, Shirley Manson e Greg Kurstin.[8] Nel gennaio 2012 rivela il titolo provvisorio del suo disco, ossia Wild at Heart.[9] Successivamente annuncia anche due brani che vengono estratti come singoli, Swamp Girl e 24 Hours.[10] Nel periodo marzo-giugno 2012 vengono pubblicati sul web prima il brano Lost in My Bedroom e poi il videoclip di Red Lips. Nel frattempo decide di cambiare il titolo del disco in I'm Not Alright (lo cambierà nuovamente in seguito).[11]

Nell'agosto 2012 posta su Tumblr un outtake di un lavoro prodotto con Brion. Si tratta dell'EP Ghost, coprodotto da Dev Hynes e Ariel Rechtshaid.[12] L'EP, pubblicato nell'ottobre 2012, contiene i singoli Red Lips e Everything Is Embarrassing, oltre ad altre tre tracce. Nel gennaio 2013 debutta in televisione esibendosi al Late Night with Jimmy Fallon.[13]

Il 29 ottobre 2013 pubblica finalmente il suo esordio su lunga distanza, che nel frattempo ha cambiato nuovamente titolo: si tratta di Night Time, My Time.[14] Il disco è anticipato dal singolo You're Not the One, pubblicato nel settembre 2013. Rilasciato dalla Capitol Records e prodotto da Rechtshaid e Justin Raisen, l'album è stato registrato in California, tra Burbank e Los Angeles. Accompagnato da critiche molto positive,[15][16][17] il disco ha raggiunto la posizione #45 della Billboard 200.[18] Circa un mese dopo la pubblicazione del disco, nel novembre 2013 viene diffuso l'EP Night Time, My Time: B-Sides Part 1, che contiene nuove tracce ed un remix del brano Everything is Embarrassing.

Influenze musicali[modifica | modifica sorgente]

Tra le sue principali influenze musicali, Sky Ferreira ha citato Madonna, Prince, Gwen Stefani, Alice Cooper, Nancy Sinatra, Cat Power e The Runaways.[19][12]

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Ha una relazione con il frontman dei DIIV Zachary Cole Smith.[20] Insieme a lui, nel settembre 2013, è stata arrestata per possesso di droga a Saugertis, nello stato di New York.[21]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album studio[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

  • 2011 - As If!
  • 2012 - Ghost
  • 2013 - Night Time, My Time: B-Sides, Part 1

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 2010 - 17
  • 2010 - One
  • 2010 - Obsession
  • 2011 - Sex Rules
  • 2012 - Red Lips
  • 2013 - Everything Is Embarrassing
  • 2013 - You're Not the One
  • 2013 - Night Time, My Time
  • 2013 - I Blame Myself

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]