Skoonheid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Skoonheid
Titolo originale Skoonheid
Paese di produzione Sudafrica
Anno 2011
Durata 99 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Oliver Hermanus
Soggetto Oliver Hermanus
Sceneggiatura Oliver Hermanus, Didier Costet
Produttore Didier Costet, Dylan Voogt
Produttore esecutivo Marvin Saver
Casa di produzione Equation, Moonlighting Films
Fotografia Jamie Ramsay
Montaggio George Hanmer
Musiche Ian Arrow, Laurent Chassaigne, Xavier Bonneyrat, compositore Ben Ludik
Scenografia Lisa Brennan, Tim Ferrier, Marta McElroy
Costumi Reza Levy
Interpreti e personaggi
Premi

Queer Palm Award al Festival di Cannes 2011

Skoonheid, che in lingua afrikaans significa bellezza, è un film del 2011 scritto e diretto da Oliver Hermanus, presentato alla 64esima edizione del Festival di Cannes 2011, nella sezione Un Certain regard e vincitore della Queer Palm 2011, il riconoscimento riservato ai film a tematica LGBT[1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il regista Hermanus affronta con crudo realismo il tema del razzismo e dell'omofobia nel Sudafrica contemporaneo. Il protagonista François, cinquantenne afrikaner, residente nella periferia agiata della città di Bloemfontein, una città del Sudafrica centrale, dalla vita apparentemente tranquilla e molto borghese, incontra, dopo molti anni, il figlio universitario di un amico di infanzia, per il quale prova subito una forte attrazione. A poco a poco, l'attrazione per il giovane Christian si trasforma in una vera e propria ossessione, che porterà François a seguire la sua vittima fino a Cape Town. Nonostante il disprezzo ostentato dal protagonista nei confronti dell'omosessualità e dall'esasperato "machismo" degli uomini della piccola comunità di afrikaner, molti di loro si ritrovano periodicamente per avere rapporti omosessuali. Al gruppo di incontri, però, possono partecipare solo uomini rigorosamente "bianchi" e non dichiaratamente omosessuali, «niente pazze e meticci», dice il protagonista ad un amico che ha infranto le regole.[2]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Queer Palm
  2. ^ Cannes, Skoonheid sconvolge la platea - Nigrizia.it
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema