Sketches for My Sweetheart the Drunk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sketches for My Sweetheart the Drunk
Artista Jeff Buckley
Tipo album Studio
Pubblicazione 26 maggio 1998
Durata 96 min. : 78 s.
Dischi 2
Tracce 21
Genere Rock
Etichetta Columbia Records
Produttore Nicholas Hill
Tom Verlaine
Jeff Buckley - cronologia
Album precedente
(1996)
Album successivo
(2000)

Sketches for My Sweetheart the Drunk è il secondo album di Jeff Buckley, rimasto incompiuto a causa della sua morte, avvenuta prematuramente nel 1997. L'opera prevedeva due album, realizzati postumi con i demo che Buckley aveva inciso prima di morire.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

  • Il nome che Buckley aveva scelto per l'album era My Sweetheart the Drunk; in sede di pubblicazione fu aggiunto Sketches for ("abbozzi per") proprio per enfatizzare la natura incompiuta dell'opera.
  • L'album fu prodotto da Nicholas Hill e Tom Verlaine (ex Television) che dichiarò di considerare My Sweetheart un album "eccellente". La cura e la distribuzione dell'album sono state portate avanti dalla Columbia Records e da Mary Guibert, madre dell'artista, che alla sua morte ha preso in mano il patrimonio artistico (ed economico) del figlio e continua a gestirlo.
  • Il tema predominante dell'album è l'amore. Le tracce dei due album sono infatti quasi tutte incentrate su questo tema, così caro a Buckley e da lui trattato in maniera sempre anticonvenzionale.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Tutte le canzoni sono state composte da Jeff Buckley, eccetto dove indicato.

Disco 1[modifica | modifica sorgente]

  1. The Sky is a Landfill 5:09 (Jeff Buckley; Michael Tighe)
  2. Everybody Here Wants You 4:46
  3. Opened Once 3:29
  4. Nightmares by the Sea 3:53
  5. Yard of Blonde Girls 4:07 (Audrey Clark; Lori Kramer; Inger Lorre)
  6. Witches' Rave 4:40
  7. New Year's Prayer 4:40
  8. Morning Theft 3:39
  9. Vancouver 3:12 (Jeff Buckley; Mick Grondahl; Michael Tighe)
  10. You and I 5:39

Disco 2[modifica | modifica sorgente]

  1. Nightmares by the Sea [Original Mix] 3:49
  2. New Year's Prayer [Original Mix] 4:10
  3. Haven't You Heard 4:07
  4. I Know We Could Be So Happy Baby (If We Wanted to Be) 4:27
  5. Murder Suicide Meteor Slave 5:55
  6. Back in N.Y.C. 7:37 (Tony Banks; Phil Collins; Peter Gabriel; Steve Hackett; Mike Rutherford)
  7. Gunshot Glitter 5:34
  8. Demon John 5:13 (Jeff Buckley; Michael Tighe)
  9. Your Flesh is So Nice 3:37
  10. Jewel Box 3:37
  11. Satisfied Mind 6:00 (Red Hayes; Jack Rhodes)

L'edizione americana del disco 2, non include la traccia 7 (Gunshot Glitter), mentre nell'edizione giapponese è presente, come traccia 11, la bonus track Thousand Fold.

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Classifica Posizione
Stati Uniti[1] 64
Australia[2] 1
Belgio[3] 13
Francia[4] 6
Paesi Bassi[5] 62
Nuova Zelanda[6] 7
Norvegia[7] 10
Svezia[8] 29
Regno Unito[9] 7

Singolo[modifica | modifica sorgente]

Anno Singolo Classifica Posizione
1998 Everybody Here Wants You ARIA Charts[10] 35
1998 Everybody Here Wants You UK Singles Chart[9] 43

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ US: Albums, allmusic.com. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  2. ^ Australia: Albums, australian-charts.com. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  3. ^ Belgium: Albums, www.ultratop.be. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  4. ^ France: Albums, lescharts.com. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  5. ^ Netherlands: Albums, dutchcharts.nl. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  6. ^ New Zealand: Albums, charts.org.nz. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  7. ^ Norway: Albums, norwegiancharts.com. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  8. ^ Sweden: Albums, swedishcharts.com. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  9. ^ a b UK Chartlog, zobbel.de. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  10. ^ Australia: Singles, Australian-charts.com. URL consultato il 28 dicembre 2008.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock