Sistro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sistro
Mostra Olearie - sistro 1010384.JPG
Un sistro di epoca romana
Informazioni generali
Origine Egitto
Invenzione Antichità
Classificazione Idiofoni a percussione indiretta
Utilizzo
Musica dell'antichità

Sistro è il nome di due diversi strumenti musicali.

Primo caso[modifica | modifica sorgente]

Y8
Y8
Y8

Il primo è uno strumento idiofono proveniente dall'Antico Egitto ed era sacro alla dea Iside, la quale si credeva fosse l'inventrice dello strumento. In Mesopotamia poteva essere di forma trapezoidale o quadrata e presentava l'immagine del Dio raffigurata sul manico. È uno strumento in metallo, con una parte a forma di ferro di cavallo, con un manico e delle aste, perciò il suono viene prodotto scuotendo il sistro. Il numero e lo spessore delle lamelle flottanti ne definisce e caratterizza l’altezza e l’intensità del suono; un suono che resta comunque - come in molti altri analoghi strumenti a sonagli - indeterminato, e cioè senza una precisa connotazione tonale. Si hanno notizie di sistri utilizzati in cerimonie già nella Bibbia (Vecchio Testamento) e prima ancora nella civiltà Egizia (era l’antico “seshesh”, di chiara origine onomatopeica) da dove sembra sia stato importato in Palestina e successivamente in Grecia.

Questo strumento compare anche nella poesia di Giovanni Pascoli, L'assiuolo, nella poesia di Eugenio Montale, Debole sistro al vento di Ossi di seppia e in un racconto di H.P. Lovecraft, Sotto le Piramidi, scritto per conto di Harry Houdini

Secondo caso[modifica | modifica sorgente]

Il secondo è uno strumento più moderno, composto da un sostegno e da file di campanelli fatti di bronzo o di acciaio. Il suono viene prodotto da un martelletto che potrà essere di legno o di acciaio a seconda del materiale di campanelli.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica