Sirolimus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Sirolimus
{{{immagine1_descrizione}}}
{{{immagine2_descrizione}}}
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C51H79N1O13
Massa molecolare (u) 914,172 g/mol
Numero CAS [53123-88-9]
Codice ATC L04AA10
PubChem 6436030
DrugBank APRD00178
Dati farmacocinetici
Emivita 57–63 ore
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

Il sirolimus è un farmaco immunosoppressore usato per prevenire il rigetto nei trapianti d'organo.

Il Sirolimus è un antibiotico macrolide scoperto come prodotto di un batterio (Streptomyces hygroscopicus) in un campione di terreno proveniente da Rapa Nui (isola di Pasqua), e per questo motivo è anche chiamato Rapamicina. La rapamicina nei mammiferi ha come bersaglio una serina treonina chinasi (mTOR, mammalian Target Of Rapamycin) che regola la crescita, la proliferazione, la motilità e la sopravvivenza delle cellule. Diversi nuovi farmaci antitumorali sono mirati ad inibire questo enzima.

Nonostante il nome simile, il Sirolimus non è un inibitore della calcineurina come il tacrolimus o la ciclosporina. Ha, però, effetti simili sul sistema immunitario.

Il farmaco è proprietà della Wyeth Pharmaceuticals (Rapamune). Venne approvato dalla FDA (US Food and Drug Administration) nel 1999 per i trapianti di rene.

Viene utilizzato anche negli stent coronarici a rilascio di farmaco.

Recentemente si è appreso che la rapamicina è in grado di aumentare l'aspettativa di vita nei topi da laboratorio[2][3] e dunque i suoi effetti antiproliferativi potrebbero avere un ruolo anche nella cura del cancro. In particolare da uno studio pubblicato su Stem Cell Reviews and Reports nel 2012[4] è emerso che l'esposizione delle SSCs di topo alla rapamicina (capace di inibire il differenziamento cellulare e promuovere l'auto-rinnovamento delle cellule staminali) determina valori di espressione genica delle deacetilasi istoniche opposti rispetto a quelli visti nel differenziamento e nell'invecchiamento. Il lavoro è stato condotto su esemplari di topo maschi sottoposti ad iniezioni intraperitoneali giornaliere di rapamicina per due settimane.

Uso nei trapianti[modifica | modifica sorgente]

Il maggior vantaggio del sirolimus rispetto agli inibitori della calcineurina è che non è tossico per i reni. I pazienti trattati con inibitori della calcineurina tendono ad avere, nel lungo periodo, problemi renali anche cronici.

Può essere comunque usato anche insieme agli inibitori della calcineurina e al micofenolato mofetile per ottenere un regime immunosoppressivo libero da steroidi. Uno dei possibili effetti collaterali è la difficoltà a cicatrizzarsi delle ferite; per questo motivo alcuni centri di trapianto preferiscono non usarlo immediatamente dopo l'intervento, ma attendere qualche tempo. Il sirolimus è ancora in fase di sperimentazione per alcuni trapianti diversi da quello di rene.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 23.04.2012
  2. ^ Scoperto l'elisir che allunga la vita, Corsera.it, 09/07/2009. URL consultato il 09/07/2009.
  3. ^ LO STUDIO - L'elisir di giovinezza esiste ma ha un doppio volto, Repubblica.it, 09/07/2009. URL consultato il 09/07/2009.
  4. ^ Amber E. Kofman, Jessica M. Huszar, Christopher J. Payne, Transcriptional Analysis of Histone Deacetylase Family Members Reveal Similarities Between Differentiating and Aging Spermatogonial Stem Cells in Stem Cell Reviews and Reports, 2012. PMID 22729928.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina