Sire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sire (lett. "re, signore, sovrano", dall'antico francese sire, dal latino senior[1]) è un titolo onorifico per i re regnanti del Regno Unito e del Belgio. Precedentemente veniva anche usato in Inghilterra, Francia, Italia, Germania e Spagna. Storicamente il termine sire ha avuto un utilizzo più esteso. Durante il medioevo l'onorifico sire era generalmente usato per rivolgersi a un superiore, una persona di importanza o in una posizione di autorità o alla nobiltà in generale. È probabile che "sire" e il francese "(mon)sieur"[2] condividano una comune origine etimologica, essendo in definitiva imparentati al latino senior, oltre che all'onorifico inglese "sir"; molte parole in inglese erano originariamente scritte con la "e" finale che, con il tempo, è andata perduta. Più recentemente dal secolo XVI il termire Sire venne utilizzato per rivolgersi esclusivamente ai sovrani (Re o Imperatori) e così è fino ai giorni nostri. Attualmente infatti ci si riferisce con il termine Sire ad un Sovrano (tranne che per i principi per cui è previsto il titolo di Altezza).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sire deriva da senior (così come ser o sere, messere, monsignore, signore, sor, il veneziano sior, ecc...), che darà in seguito senre o sendre per intercalazione di una d tra n e r, similmente per es. al francese "moindre, tendre, ecc..." Cfr. il Giuramento di Strasburgo in antico francese "latinizzato":
    (FR)
    « Si Lodhuvigs sagrament, quae son fradre Karlo iurat, conservat, et Karlus meos sendra de suo part ... »
    (IT)
    « Se Ludovico mantiene il giuramento che suo fratello Carlo ha giurato, e Carlo, mio signore, da parte sua ... »

    Dopo la forma senre e sendre si ha sires e infine sire.

  2. ^ Nella Francia medievale da sires si ha sire, quando la s del caso soggetto viene a perdersi.L'accusativo seniorem ha dato dunque il caso obliquo seignur, signor, seigneur. Originariamente identici, mes sire (provenzale mes sire) e mon seigneur, venivano impiegati, fino al secolo XIII, uno come soggetto e l'altro come complemento. (FR) Ambroise Firmin-Didot, Observations sur l'orthographe ou ortografie française.. Sire e signore (seigneur, in provenzale senher) finiranno così per diversificarsi a livello semantico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]