Sinfonia n. 72 (Haydn)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinfonia n. 72
Compositore Joseph Haydn
Tonalità Re maggiore
Tipo di composizione sinfonia
Numero d'opera Hob. I/72
Epoca di composizione agosto 1763
Durata media 23 minuti
Organico

flauto, 2 oboi, Fagotto, 4 corni, 2 trombe, timpani, archi, clavicembalo (basso continuo)

Movimenti

I Allegro
II Andante
III Menuetto e Trio
IV Thema con variazioni: Andante - Presto

La Sinfonia n. 72 in Re maggiore di Franz Joseph Haydn fu composta per l'orchestra della corte Esterházy di Eisenstadt nell'agosto del 1763. Tuttavia, non è stata inserita nel catalogo Hoboken rispettando l'ordine cronologico di composizione.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Questa sinfonia è stata composta per un'orchestra di 2 oboi, un flauto, 4 corni ed archi. È una delle poche sinfonie dell'era classica ad utilizzare quattro corni anziché due. Questo lavoro presenta tratti simili alla Sinfonia Hornsignal, a causa dei numerosi passaggi di corno solista[1], e si collega anche alla "Trilogia del Giorno", cioè le sinfonie 6, 7 ed 8 a causa dei passaggi in stile concertante degli altri strumenti.[2]

I movimenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Allegro, 4/4
  2. Andante, 6/8
  3. Minuetto & Trio, 3/4
  4. Finale: Andante (Thema. Var. I-VI), 2/4 - Presto, 6/8

I corni tacciono nel secondo movimento. Al loro posto vengono utilizzati passaggi di flauto e violino solisti.[3]

Il minuetto inizia e termina con lo stesso tempo piano, con il finale che suona come un'eco. Gli archi non sono presenti nel trio, il quale è stato concepito per tutti gli strumenti a fiato, eccetto il flauto.[2]

Il finale della sinfonia è nella forma di tema con variazioni e prevede numerosi assoli: del violino, del contrabbasso, del flauto, degli oboi e dei corni. Il movimento termina con un Presto in 6/8, con l'esaltazione dei corni.[3]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oxford Composer Companions: Haydn, ed. David Wyn Jones, Oxford University Press, 2002. ISBN 0-19-866216-5
  2. ^ a b Brown, A. Peter, The Symphonic Repertoire (Volume 2). Indiana University Press (ISBN 025333487X), pp. 84-86 (2002).
  3. ^ a b HC Robbins Landon, Haydn: Chronicle and Works, 5 vols, (Bloomington and London: Indiana University Press, 1976-) v. 1, Haydn: the Early Years, 1732-1765
  4. ^ registrazione effettuata a Bielefeld nel 1969
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica