Sinfonia Manfred

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manfred
Compositore Pëtr Il'ič Čajkovskij
Tonalità si minore
Tipo di composizione sinfonia
Numero d'opera Op. 58
Epoca di composizione 1885
Prima esecuzione Mosca 1886
Dedica Mili Balakirev
Durata media 50 minuti
Organico

orchestra

La Sinfonia Manfred in si minore op. 58 di Pëtr Il'ič Čajkovskij, composta nel 1885, è una sinfonia a programma basata sull'omonimo dramma in versi, pubblicato nel 1817, di George Gordon Byron.
Il soggetto fu proposto a Čajkovskij verso il 1885 da Mili Balakirev, a cui successivamente la sinfonia fu dedicata.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La Sinfonia, in quattro scene, è composta dai seguenti quattro movimenti, per una durata complessiva di circa 50 minuti:

  • Lento lugubre. Moderato con moto. Andante
  • Vivace con spirito
  • Andante con moto
  • Allegro con fuoco

Il programma e la musica[modifica | modifica sorgente]

Manfred è alla ricerca di una sua pace interiore ed è ossessionato da cupi ricordi che lo portano a viaggiare smarrito e confuso attraverso le Alpi in cerca di una tranquillità interiore; il tutto è descritto con temi lugubri alternati da momenti di serenità che il musicista ci propone con il I movimento; di seguito qui conosce anche la Fata delle Alpi descritta con il secondo movimento, il vivace con spirito, in cui questa appare uscendo da una cascata d'acqua zampillante; in questo viaggio fa la conoscenza dei tipici abitanti del luogo, schietti, allegri, pieni di gioia di vivere con la loro vita semplice e contadina, ed è descritto con meraviglia da questo terzo movimento che è appunto l'andante con moto. La scena finale si conclude in modo tragico, con una scatenata orgia degli spiriti apparsi nel castello infernale di Arimane e con l'invocazione dello spirito della sua donna amata in vita, Astarde, che gli predice la sua imminente fine terrena. Qui il dramma è concluso con la morte di Manfred, l'eroe romantico, che prima di uscire definitivamente dalla scena, finalmente, assapora, nel solitario cammino, quella pace e quella serenità che per lungo tempo ha rincorso in vita. Questa Sinfonia è considerata una delle migliori composizioni di Čajkovskij.

Discografia[modifica | modifica sorgente]