Sindrome di Raynaud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome di Raynaud
Raynaud's Syndrome.jpg
Effetti della sindrome di Raynaud
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 443.0
ICD-10 (EN) I73.0

La sindrome di Raynaud è un quadro morboso che prende il nome dal medico francese Maurice Raynaud (1834-1881), caratterizzato da crisi accessionali di cianosi delle dita la cui ripetizione nel tempo conduce a fatti distrofici ed eventualmente a fenomeni gangrenosi delle estremità.

Nel 50% dei casi è simmetrica (Raynaud primario).

Durante l'attacco, di solito scatenato dal freddo e da emozioni, le dita sono fredde e si fanno dapprima pallide e poi violacee per il ristagno della corrente sanguigna; se la crisi si prolunga possono intervenire dolori violenti.

La malattia colpisce prevalentemente il sesso femminile, compare a volte senza cause apparenti mentre in altri casi può insorgere per lesioni del sistema nervoso regionale o può far parte di malattie generali.

Nei casi più gravi si può ricorrere alla simpatectomia (Simpatectomia toracica endoscopica)[1] una controversa procedura chirurgica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wang WH, Lai CS, Chang KP, Su-Shin Lee, Chih-Chiang Yang, Sin-Daw Lin e Chia-Ming Liu, Peripheral sympathectomy for Raynaud's phenomenon: a salvage procedure in The Kaohsiung Journal of Medical Sciences, vol. 22, nº 10, ottobre 2006, pp. 491–9, DOI:10.1016/S1607-551X(09)70343-2, PMID 17098681.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina