Sindrome di Möbius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sindrome di Möbius
Infant with Möbius syndrome.jpg
Bambino con sindrome di Möbius. Tipica la facies amimica dovuta alla paralisi dei nervi cranici e le dita mancanti.
Malattia rara
Codici di esenzione
SSN italiano RN0990
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 352.6
ICD-10 (EN) Q87.0
Sinonimi
Diplegia faciale congenita
Paralisi del VI e VII paio di nervi cranici
Paralisi oculo-faciale congenita
Eponimi
Paul Julius Möbius

La sindrome di Möbius o Moebius (a causa della traslitterazione dalla lingua tedesca) è una malattia rara, scoperta dal neurologo Paul Julius Möbius, nipote del famoso matematico tedesco August Ferdinand Möbius.

Caratteri[modifica | modifica wikitesto]

È dovuta a ipotrofia o addirittura assenza dei nervi cranici VI e VII, abducente e facciale. Nel 10% dei casi è presente anche ritardo mentale.

Si presenta sotto forma di una animia facciale o paresi facciale. Chi ne è colpito, con vari livelli di gravità, non può sorridere, utilizzare la mimica facciale, chiudere o muovere gli occhi in senso laterale, succhiare, eccetera.

I neonati, alla nascita, come sintomo dominante, presentano difficoltà ad alimentarsi, per problemi di suzione, e vanno nutriti con appositi biberon.

Da confermare rimane la possibile causa genetica.

Diagnosi differenziale[modifica | modifica wikitesto]

La sindrome di Poland-Möbius è invece una combinazione della sindrome di Poland e della sindrome di Möbius di tipo II, considerata come una forma a sé stante, a trasmissione autosomica dominante.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina