Sindrome dell'occhio fantasma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome dell'occhio fantasma
Gray889.png
Anatomia dell'occhio. I muscoli estrinseci sono segnati in rosso.
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 353.6
ICD-10 (EN) G54.6, G54.7

La sindrome dell'occhio fantasma è un dolore fantasma riferito all'occhio, talvolta accompagnato da allucinazioni visive, che si può manifestare dopo l'escissione chirurgica dell'occhio.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Rappresentazione dell'omuncolo somatosensoriale

Molti pazienti lamentano uno o più fenomeni fantasma dopo la rimozione dell'occhio:

  • Dolore fantasma all'occhio rimosso (prevalenza del 26%)[1];
  • sensazioni fantasma di natura non dolorosa[1];
  • allucinazioni visive: circa il 30% dei pazienti accusa allucinazioni dall'occhio rimosso[1]. La maggior parte di queste allucinazioni consiste in percezioni visive di base (forme e colori). Al contrario, le allucinazioni visive causate da perdite della vista (sindrome di Charles Bonnet) sono meno comuni, con una prevalenza del 10% circa[senza fonte], e consistono spesso in immagini dettagliate.

Patogenesi[modifica | modifica sorgente]

Sensazioni fantasma dolorose e non[modifica | modifica sorgente]

Le sensazioni dolorose e non dolorose derivano da cambiamenti nel sistema nervoso centrale, a causa della denervazione di una parte del corpo[2][3]. La sindrome dell'occhio fantasma è molto meno comune della sindrome dell'arto fantasma. Dopo l'amputazione di un arto, la percentuale dei pazienti che lamentano tale sindrome è estremamente variabile a seconda dei criteri diagnostici utilizzati[4][5]; nel caso di perdita di un occhio, invece, è stata osservata la comparsa di dolore fantasma nel 26% dei pazienti, di sensazioni non dolorose nel 29% e di allucinazioni nel 31%.[6] Si pensa che le sensazioni dolorose e non agli arti mancanti siano dovute a cambiamenti post-amputazione nella rappresentazione corticale delle parti del corpo adiacenti all'arto amputato. Una ragione per la minore incidenza di casi di occhio fantasma si pensa possa essere la rappresentazione corticale tattile più piccola dell'occhio, in confronto alla rappresentazione degli arti.

Alcuni studi[7] hanno trovato una correlazione tra il dolore pre-operatorio all'arto in causa e la sindrome fantasma post-operatoria. Esiste una correlazione significativa tra sensazioni fantasma dolorose e non, dolore pre-operatorio all'occhio in questione e mal di testa[8].

Sulla base dei dati attuali, è difficile stabilire se il mal di testa o il dolore oculare pre-operatorio siano determinanti nello sviluppo dei fenomeni fantasma, o se siano dei fenomeni secondari scatenati da un altro fattore di fondo. Tuttavia, uno studio ha dimostrato che il dolore indotto a scopo sperimentale porta ad una rapida riorganizzazione della corteccia somatosensoriale[9]. Questi studi suggeriscono l'importanza del dolore pre-operatorio e post-operatorio come cofattori per la riorganizzazione somatosensoriale e per lo sviluppo di sindromi fantasma.

Allucinazioni visive[modifica | modifica sorgente]

L'enucleazione di un occhio e, analogamente, danni alla retina, portano ad una cascata di eventi nelle aree corticali che ricevono i segnali visivi. L'inibizione GABAergica corticale diminuisce, mentre l'eccitazione glutammatergica corticale aumenta, con conseguente incremento dell'eccitabilità visiva, o con un'eventuale formazione di attività spontanee nella corteccia visiva[10] Si ritiene che l'attività spontanea nella corteccia visiva denervata è la correlazione neurale delle allucinazioni visive.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) P. Sörös, O. Vo, I.-W. Husstedt, S. Evers, H. Gerding, hantom eye syndrome: Its prevalence, phenomenology, and putative mechanisms in Neurology, vol. 60, nº 9, maggio 2003, pp. 1542-3, PMID 12743251.
  2. ^ (EN) Vilayanur S. Ramachandran, W. Hirstein, (PDF) The perception of phantom limbs. The D. O. Hebb lecture in Brain, vol. 121, nº 9, settembre 1998, pp. 1603-1630, DOI:10.1093/brain/121.9.1603, PMID 9762952. URL consultato il 17 luglio 2010.
  3. ^ (EN) L. Nikolajsen, T. S. Jensen, Phantom limb pain in British Journal of Anaesthesia, vol. 87, nº 1, luglio 2001, pp. 107-116, DOI:10.1093/bja/87.1.107, PMID 11460799. URL consultato il 17 luglio 2010.
  4. ^ Kern U, Busch V, Rockland M, Kohl M, Birklein F. [Prevalence and risk factors of phantom limb pain and phantom limb sensations in Germany. A nationwide field survey]. Schmerz. 2009 Oct;23(5):479-88. German. PubMed PMID: 19322592.
  5. ^ Borsje S, Bosmans JC, van der Schans CP, Geertzen JH, Dijkstra PU. Phantom pain: a sensitivity analysis. Disabil Rehabil. 2004 Jul 22-Aug 5;26(14-15):905-10. PubMed PMID: 15497920.
  6. ^ Sörös P, Vo O, Husstedt IW, Evers S, Gerding H. Phantom eye syndrome: Its prevalence, phenomenology, and putative mechanisms. Neurology. 2003 May 13;60(9):1542-3. PubMed PMID: 12743251.
  7. ^ (EN) Nikolajsen L., Ilkjaer S., Krøner K., Christensen J.H., Jensen T.S., The influence of preamputation pain on postamputation stump and phantom pain in Pain, vol. 72, nº 3, settembre 1997, pp. 393-405, DOI:10.1016/S0304-3959(97)00061-4, PMID 9313280. URL consultato il 17 luglio 2010.
  8. ^ (EN) M. Nicolodi, R. Frezzotti, A. Diadori, A. Nuti, F. Sicuteri, Phantom eye: features and prevalence. The predisposing role of headache in Pain, vol. 72, nº 3, settembre 1997, pp. 393-405, DOI:10.1016/S0304-3959(97)00061-4, PMID 9313280. URL consultato il 17 luglio 2010.
  9. ^ (EN) Peter Sörös, Stefan Knechta, Carsten Bantelb, Tanya Imaia, Rainer Wüstenb, Christo Pantevc, Bernd Lütkenhönerc, Hartmut Bürkleb, Henning Henningsen, Functional reorganization of the human primary somatosensory cortex after acute pain demonstrated by magnetoencephalography in Neuroscience Letters, vol. 298, nº 3, febbraio 2001, pp. 195-198, DOI:10.1016/S0304-3940(00)01752-3, PMID 11165440. URL consultato il 17 luglio 2010.
  10. ^ (EN) Ulf T. Eysel, Georg Schweigart, Thomas Mittmann, Dirk Eyding, Ying Qu, Frans Vandesande, Guy Orban, Lutgarde Arckens, Restorative Neurology and Neuroscience, vol. 15, 2-3, 1999, pp. 153-164, PMID 12671230, http://iospress.metapress.com/openurl.asp?genre=article&issn=0922-6028&volume=15&issue=2&spage=153 . URL consultato il 17 luglio 2010..

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]