Sindar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'universo fantasy creato da J.R.R. Tolkien, i Sindar (letteralmente Popolo Grigio, al singolare Sinda, anche se questo secondo termine non fu molto usato da Tolkien) sono una stirpe di Eldar di discendenza Telerin che proseguirono verso l'Ovest attraverso i Monti Brumosi e le terre dell'Eriador per poi dimorare per qualche tempo presso il fiume Gelion. Sono anche noti come Elfi Grigi. Il loro linguaggio è il Sindarin. I re del Doriath, Elu Thingol e suo nipote Dior Eluchíl, furono i grandi re dei Sindar.

I Sindar sono detti "grigi" poiché, non avendo mai messo piede a Valinor, non erano considerati Elfi della luce, nonostante non fossero nemmeno Avari, poiché, accettando l'invito, presero parte al Grande Viaggio verso Aman (e dunque vennero tecnicamente annoverati tra gli Eldar). A volte tra loro facevano riferimento a sé stessi come agli Elfi del Crepuscolo. Il termine grigio però può anche riferirsi al manto grigio di Elu Thingol. Il termine Sindar non è un termine di origine Sindarin: è il nome Quenya inventato dai Noldor in esilio. Il loro nome in Telerin è Lindar ma il nome che i Sindar usarono per sé stessi era semplicemente Edhil ("Elfi", al singolare Edhel). Quando i Teleri però partirono verso Aman, e l'incantesimo scoccato tra Elwë e Melian la Maia tolse ai Teleri la loro guida, molti di loro, legati a lui da parentela o affetto, si staccarono dal popolo in viaggio per cercarlo. Prima che fosse ritrovato, essi avevano chiamato sé stessi Eglath, il Popolo Abbandonato. La riunificazione tra i Sindar ed Elwë segnò la nascita di una nuova stirpe. Il loro re assunse il nome di Thingol Mantogrigio (Elu Thingol) ed essi furono dunque detti Sindar (Elfi del Crepuscolo, Elfi Grigi). Molti Sindar varcarono il Mare alla fine della Prima Era; alcuni rimasero, nel Lindon del sud, o andarono a est a fondare regni silvani tra i Nandor.

Sovrani dei Sindar[modifica | modifica sorgente]

Re dei Sindar e del Doriath[modifica | modifica sorgente]

Altri sovrani dei Sindar[modifica | modifica sorgente]

Lorien[modifica | modifica sorgente]

Essi furono sovrani principalmente dei Nandor, di alcuni Sindar e qualche Noldor superstite dell'Eregion

Reame del Bosco Atro[modifica | modifica sorgente]

Furono sovrani dei Nandor

Ithilien a Gondor[modifica | modifica sorgente]

  • Legolas Thranduilon (3019 Terza Era - partito per Aman Q.E. 120)

Fu il signore dei Nandor del Bosco Atro che aiutarono Re Elessar e il Sovrintendente Faramir a restaurare la bellezza dell'Ithilien, danneggiata da Sauron negli anni precedenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ fu Signore di Lorien insieme alla moglie, dama Galadriel dei Noldor; Celeborn era figlio del nipote di Thingol; in altre versioni fu anche il padre di Amroth o un Telerin di Aman

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien