Sin After Sin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sin After Sin
Artista Judas Priest
Tipo album Studio
Pubblicazione 1977
Durata 40 min : 38 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere[1][2] Heavy metal
NWOBHM
Etichetta Sony Music Entertainment
Produttore Roger Glover & Judas Priest
Registrazione Ramport Studios, Battersea, Giugno/Luglio 1977
Judas Priest - cronologia
Album precedente
(1976)
Album successivo
(1978)

Sin After Sin è il terzo album dei Judas Priest, pubblicato nel 1977 è stato il primo album del gruppo inciso con la major CBS. All'incisione del disco partecipa Simon Phillips, a quel tempo un giovanissimo e sconosciuto batterista che, con il passare degli anni, acquisterà una grande notorietà collaborando con Mike Oldfield, Joe Satriani, Toto e tanti altri. La versione rimasterizzata del 2001 contiene altri due brani: "Race With The Devil", cover dei The Gun e "Jawbraker" (brano incluso in Defenders of the Faith) suonato dal vivo.

Nel 1988, gli Slayer hanno inserito una cover della canzone "Dissident Aggressor" nel loro album South of Heaven. La band Arch Enemy ha reinterpretato la canzone "Starbreaker", inserendola come traccia bonus nell'album Wages of Sin.

Nel 2013 la band svedese Witherscape, capitanata da Dan Swano, ha inserito la cover di Last Rose of Summer nel loro debut album The Inheritance.

Brani[modifica | modifica wikitesto]

  1. Sinner (Halford, Tipton) - 6.45
  2. Diamonds And Rust (Joan Baez) - 3.27
  3. Starbreaker (Downing, Halford, Tipton) - 4.49
  4. Last Rose Of Summer (Halford, Tipton) - 5.37
  5. Let Us Prey / Call For The Priest (Downing, Halford, Tipton) - 6.12
  6. Raw Deal (Halford, Tipton) - 6.00
  7. Here Come The Tears (Halford, Tipton) - 4.36
  8. Dissident Aggressor (Downing, Halford, Tipton) - 3.07

Remastered Bonus Tracks[modifica | modifica wikitesto]

  1. Race With The Devil (Adrian Gurvitz) - 3.06
  2. Jawbreaker (live) (Downing, Halford, Tipton) - 4.02

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione di Sin After Sin su www.truemetal.it
  2. ^ Recensione di Sin After Sin su www.metal-observer.com
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal