Simon da Borsano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simon da Borsano
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1310
Creato cardinale 20 dicembre 1375 da papa Gregorio XI
Deceduto 1381 a Nizza

Simon o Simone da Borsano o da Brossano (1310Nizza, 27 agosto 1381) è stato arcivescovo di Milano e cardinale della Chiesa cattolica. Non nacque a Borsano, ma è ragionevole supporre che sia nato a Milano e che da Borsano provenisse la sua famiglia. Anche la data di nascita è incerta.

Secondo alcuni autori[1][2] fu parente di Beltramo (o Bertrando) da Borsano, che fu vescovo di Parma e di Como (se fosse vero, sarebbe anche parente di Luchino, successore di Beltramo sulla cattedra di Como). Qualche autore[3][4] ipotizza anche una sua parentela con Francescuolo Borsano, genero di Francesco Petrarca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una nobile famiglia del milanese, impegnò la propria giovinezza nello studio e nel 1339 ottenne il dottorato in utroque iure all'Università di Perugia. Assieme alle campagne contro gli eretici, lo studio del diritto canonico fu il maggior impegno della sua vita.

Divenne arcidiacono, cioè rettore, dell'Università di Bologna e professore di diritto canonico alle università di Padova e Bologna; Gilles Bellemère fu tra i suoi allievi.

Il 18 giugno 1371 papa Urbano V lo nominò arcivescovo di Milano; il neo-arcivescovo non entrò mai nella città sede della sua arcidiocesi: fu inviato dal papa in varie località dell'Europa per combattere gli eretici attraverso la dialettica. A Nizza andò solo nel 1380, probabilmente in attesa di potersi recare ad Avignone a incontrare l'antipapa Clemente VII.

Papa Gregorio XI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 20 dicembre 1375, conferendogli il titolo dei Santi Giovanni e Paolo. Da cardinale partecipò al successivo conclave dell'aprile del 1378. In questo conclave, brevissimo, fu eletto il vescovo di Bari Bartolomeo Prignano, che scelse il nome di Urbano VI; l’elezione avvenne sotto la pressione del popolo di Roma, che reclamava un papa romano "o almanco italiano", per timore che uno straniero riportasse la sede ad Avignone, e che giunse a sfondare la porta del conclave subito dopo il suo inizio, minacciando i cardinali. Lo stesso Simone fu indicato come ‘papabile’, ma poi la candidatura non ebbe seguito, dato che i Visconti, signori di Milano, erano in lotta col papato.

Fu presente, ma si astenne dal voto, al conclave del settembre di quello stesso anno, che elesse l'antipapa Clemente VII a Fondi, dando così origine al Grande Scisma d'Occidente; dopo il conclave, cercò rifugio con il cardinal Orsini ad Aversa, passando poi a Nizza sul finire del 1380.

Nel maggio del 1381, il cardinale Jean de la Grange si recò da lui a Nizza per convincerlo a riconoscere la legittimità del papa avignonese Clemente VII. Il giorno prima di morire, Simone firmò una dichiarazione in tal senso. In effetti, fin dal giorno dell’elezione di Urbano VI nutrì dubbi sulla legittimità di questa nomina, e si adoperò per una soluzione dello scisma, proponendo che i contendenti, papa e antipapa, si presentassero dimissionari a un concilio e da questo venisse poi la nuova nomina del papa legittimo e unico. Così avvenne.

Morì il 27 agosto 1381 a Nizza, nel convento dei domenicani, dei quali era ospite, e fu sepolto nella loro chiesa (demolita nel 1882 per costruire il Palazzo di Giustizia). Della tomba non ci sono tracce; però è possibile che sia rimasta sul posto, perché la chiesa non fu demolita a raso. Sono stati fatti dei sondaggi e si attende di poter eseguire uno scavo all’interno del Palazzo di Giustizia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Lectura Clementinarum, manoscritto[5], Firenze, Biblioteca Laurenziana, Fondo Aedilium, cod. 55, fol. 123r-266v; ms. Barcelona, Archivio Capitular de la Catedral, 40, fol. 1r-13v..
  • Commentum super regula Possessor, t. de regulis iuris (V.5.ult.2)[6], manoscritto, Firenze, Biblioteca Laurenziana, Fondo Aedilium, cod. 55, fol. 267r-277r; Barcelona, Archivio Capitular de la Catedral, 40, ff.135r-142r.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lasagni, 1999, Beltrando Borsano, ad vocem.
  2. ^ Baluze, 1693, tomo III, pag. 661: “Eius nepos fuisse videtur Bertrandus de Brossano”
  3. ^ Baluze, 1693, tomo III, pag. 661
  4. ^ Gloria, 1888, vol. I, pag. 142, n.310
  5. ^ Manoscritto già appartenuto alla biblioteca di Gimignano Inghirami (Prato, 1370-1460), attribuito al XIV secolo, ma forse dell’inizio del successivo che contiene: Lectura Clementinarum di Giovanni da Legnano, Lectura Clementinarum di Simone da Borsano, commento sulla regola Possessor dello stesso Simone e Libellus Minoritarum di Bartolo da Sassoferrato. Più della metà del codice contiene scritti di Simone. La Lectura Clementinarum di Simone potrebbe essere stata scritta tra il 1361 e il 1370. La parte iniziale del proemio è stata edita da D. Maffei (Dottori e studenti nel pensiero di Simone da Borsano, in Studia Gratiana XV (1972), post scripta, pp. 229-250 ristampato in estratto).
  6. ^ L'opera potrebbe risalire al 1360-61.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Lasagni, Dizionario Biografico dei Parmigianii, 1999.
  • Etienne Baluze, Vitae Paparum Avenionensium, 1693.
  • Andrea Gloria, Monumenti della Università di Padova 1318-1415, 1888.
Predecessore Arcivescovo di Milano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Guglielmo II Pusterla 1370-1376 Antonio de' Saluzzi
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Giovanni e Paolo Successore CardinalCoA PioM.svg
Guillaume de la Sudrie 1375-1381 Gautier Gomez (pseudocardinale di Clemente VII)