Simon Sebag Montefiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simon Sebag Montefiore

Simon Sebag Montefiore (Londra, 27 giugno 1965) è uno scrittore, giornalista, biografo e storico britannico specializzato in storia della Russia e autore di biografie di prominenti personaggi russi e sovietici.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il padre di Montefiore discende da una ricca famiglia di ebrei sefarditi che furono banchieri e diplomatici in tutta l'Europa. All'inizio del XIX secolo, il suo pro-zio, Sir Moses Montefiore, divenne socio banchiere di N M Rothschild & Sons. Sua madre, Phillis (nota anche come April) proviene da una famiglia ebrea lituana di studiosi talmudisti, i genitori della quale fuggirono dall'Impero Russo all'inizio del XX secolo. Avevano acquistato dei biglietti per New York City, ma furono truffati e fatti sbarcare a Cork, in Irlanda. Durante il pogrom di Limerick del 1904, abbandonarono l'Irlanda e si trasferirono a Newcastle upon Tyne, in Inghilterra.[1]

Montefiore vive a Londra con sua moglie, Santa Montefiore, anch'essa scrittrice e sorella di Tara Palmer-Tomkinson,[2] e i suoi due figli. Lavora anche in documentari televisivi.[3][4] Uno dei suoi ultimi libri, Young Stalin è stato pubblicato nel maggio 2007: in esso l'autore svela tutti i soprannomi e i nomignoli adoperati da Stalin per sfuggire alle forze dell'ordine dello zar, nonché tutta l'avventurosa e banditesca vita che il futuro dittatore trascorse in Georgia, suo paese natale. L'autore paragona i georgiani agli italiani per invidia, passione, gelosia e delinquenza. I libro ha vinto diversi premi letterari in Gran Bretagna e in Francia.[3][5][6][7][3][8][9]

Il suo più recente libro, Jerusalem. The Biography (2011) ha riscosso notevole successo internazionale ed è stato trasposto in un documentario in tre puntate sulla televisione britannica BBC Four.[10]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Saggi
  • Jerusalem: The Biography, 2011 ISBN 978-0-297-85265-0
  • 101 World Heroes, 2009
  • Monsters – History's most evil men and women, 2008
  • Young Stalin, 2008
  • Stalin: The Court of the Red Tsar, 2005, 2004 ISBN 1-4000-4230-5 ISBN 978-1400042302
    • Gli uomini di Stalin. Un tiranno, i suoi complici e le sue vittime, Rizzoli 2005
  • Potemkin: Catherine the Great's Imperial Partner, 2005
    Catherine the Great and Potemkin, 2004
  • Speeches that Changed the World: The Stories and Transcripts of the Moments that Made History, 2008, 2007
    Speeches that Changed the World, 2007
  • Piggy Foxy and the Sword of Revolution: Bolshevik Self-Portraits (Annals of Communism Series) with Alexander Vatlin, Larisa Malashenko and Vadim A. Staklo, 2006
  • A History of Caucasus, 2005 ISBN 0-297-81925-9 ISBN 978-0297819257
Narrativa
  • Sashenka, 2008
  • My Affair with Stalin, 2004
  • King's Parade, 1992

CD[modifica | modifica sorgente]

  • Speeches that Changed The World (EN)

DVD[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ articolo su Vanity Fair, 22 gennaio 2008.
  2. ^ Lucy Cavendish, Royalty, Tara and best-selling books, This Is London, 7 marzo 2005. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  3. ^ a b c Simon Sebag Montefiore in Newsnight Review, BBC News, 18 luglio 2008. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  4. ^ History in the Making | Vanity Fair
  5. ^ Galaxy National Book Awards: History Book of the Year 2004
  6. ^ 2007 Los Angeles Times Book Prizes Awarded, Los Angeles Times, 25 aprile 2008. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  7. ^ Hephzibah Anderson, A.L. Kennedy's Day, "Montefiore's Young Stalin Win Costas", Bloomberg, 2 gennaio 2008. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  8. ^ Simon Sebag Montefiore - The Author, Orion Books, 2008. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  9. ^ Alison Flood, Biographer celebrates 'fairy gold' prize win, Guardian, 26 agosto 2008. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  10. ^ Programma BBC Four, dicembre 2011 con video della serie.
  11. ^ BBC Media Centre
  12. ^ Jerusalem: The Making of a Holy City BBC Four video

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22399708 LCCN: no98074514