Simon's Cat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simon's cat
webserie cartone
Titolo orig. Simon's cat
Lingua orig. inglese
Paese Regno Unito
Autore Simon Tofield (creatore, produttore)
Regia Simon Tofield
Soggetto Simon Tofield
Disegni Simon Tofield
Sceneggiatura Simon Tofield
Animazione Simon Tofield
Rete Internet
pubbl. 2008 – in produzione
Rete it. Internet
pubbl. it. 2008 – in produzione
Genere comico

Simon's Cat (letteralmente "il gatto di Simon") è una serie animata ideata e realizzata a partire dal 2008 dall'animatore britannico Simon Tofield. La serie ha per protagonista un gatto domestico che in ogni episodio escogita un sistema differente per farsi dare da mangiare. Gli episodi di Simon's Cat sono disponibili su YouTube, e hanno ricevuto più di 20 milioni di contatti[1][2][3].

Realizzazione[modifica | modifica sorgente]

Simon Tofield ospite nel 2013 al Lucca Comics & Games

La serie è stata animata attraverso il software Adobe Flash[1] da Simon Tofield, direttore dell'animazione dello studio londinese Tandem Films. Tofield, che ha iniziato a disegnare fumetti fin da giovane e ha studiato animazione alla De Montfort University, vive nel Bedfordshire con quattro gatti[4], per lui di primaria ispirazione[5]. Simon Tofield ha anche doppiato il miagolio del gatto.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

  1. Cat Man Do, 2007, Tandem Film
  2. Let Me In!, 2008, Tandem Film
  3. TV Dinner, 2008
  4. Fly Guy, 2009
  5. Hot Spot, 2009
  6. Snow Business' (Part 1), 2009
  7. The Box, 2010
  8. Cat Chat, 2010
  9. Lunch Break, 2010
  10. Beyond the Fence, 2010
  11. Santa Claws, 2010
  12. Sticky Tape, 2011
  13. Hop it, 2011
  14. Hidden Treasure, 2011
  15. Double Trouble, 2011
  16. Catnap, 2011
  17. Fowl Play, 2012
  18. Shelf Life, 2012
  19. Tongue Tied, 2012
  20. Window Pain, 2012
  21. Ready, Steady, Slow!, 2012
  22. Springtime, 2012
  23. Fetch, 2012
  24. Nut Again!, 2012
  25. Icecapade, 2012
  26. Feed Me!, 2013
  27. Screen Grab!, 2013
  28. Flower Bed, 2013
  29. Suitcase, 2013
  30. Mirror Mirror, 2013
  31. Scary Legs (A Halloween Special), 2013
  32. Christmas Presence (Part 1), 2013
  33. Christmas Presence (Part 2), 2013
  34. Smitten (A Valentine's Special), 2014
  35. Crazy Time, 2014
  36. Pawtrait, 2014

Durante il Natale 2008 è stato inoltre realizzato l'episodio Fed Up! con protagonista non il gatto, bensì Simon's Sister's Dog ("il cane della sorella di Simon").

In Fly Guy viene citata un'altra icona di Internet del 2009: il gatto Maru.

L'episodio Beyond the Fence è la pubblicità sulla televisione inglese del secondo libro di Simon's Cat.

Tv[modifica | modifica sorgente]

Durante le festività natalizie e di fine anno 2011 alcuni episodi di Simon's Cat sono stati trasmessi dai canali televisivi LA7 e LA7d.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Il gatto di Simone: Il protagonista. Le sue stramberie, in particolare quelle della ricerca di cibo, tormentano il proprietario Simone. Ama il cibo per gatti, ma non gli dispiacciono neanche gli uccellini, i topi e i pesci dello stagno di Simone. Non è mai stato detto quale sia il suo vero nome, ma l'autore ha affermato che il personaggio si basa sul suo gatto, Hugh.
  • Simone: Il proprietario a lungo tormentato del gatto.
  • Il cane della sorella di Simone: Un cane che appare nel video Fed Up, dove mangia da sotto il tavolo durante un pranzo, con il cibo che la famiglia gli passa sotto. Il cane appare anche in un altro video (Fetch) e nel libro e ama giocare.
  • L'uccellino: Un uccellino che appare nel video Business Snow dove provoca il gatto a combattere a palle di neve.
  • Il riccio: Un riccio che vive nel giardino sul retro di Simone. Il gatto ama infastidirlo incastrando nei suoi aculei vari oggetti come mele, foglie e palline da tennis. Il riccio ha anche dei cuccioli.
  • Lo gnomo da giardino: Un nano da giardino simile a quello rotto dal gatto nell'episodio Let Me In. Spesso è utilizzato da quest'ultimo nei suoi piani per catturare il cibo. È considerato infatti dal gatto come un amico, apparentemente ignaro del fatto che lo gnomo sia solo un oggetto inanimato.
  • Il Nuovo Arrivato: Un cucciolo di gatto, che prenderà il nome di Teddy (presente negli episodi Double Trouble, Catnap e Screen Grab!), arriva in casa di Simon. Non è ben accetto dal primo gatto di Simon, che se lo ritrova sempre intorno ai suoi oggetti: la ciotola della pappa, la lettiera e la sua cuccia.
  • Il Coniglio*: È un coniglietto che nell'episodio Hop It viene preso di mira dal gatto di Simon. Alla fine viene catturato ma il gatto lo risparmia.

Libro[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 Simon Tofield ha pubblicato Simon's Cat, un volume di 240 pagine che raccoglie numerose vignette e strip con protagonista il gatto e le sue avventure. Nel Regno Unito il libro è stato pubblicato da Grand Central Publishing (ISBN 9780446560061), mentre in Italia da TEA (ISBN 9788850220410)

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il primo episodio (Cat Man Do) si è aggiudicato il premio Best Comedy ai British Animation Awards 2008[6]. Il secondo (Let Me In!) ha ricevuto il premio Most Outstanding Animation alla settima edizione del "Animae Caribe, Caribbean Animation Awards Festival"[7]. Il terzo (TV Dinner) è stato trasmesso dal programma The Culture Show di BBC2 il 15 giugno 2008[8] prima di essere caricato su YouTube[9].

L'episodio Fed Up!, termina con un messaggio della Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Internet animation: Draw it yourself. The Independent
  2. ^ Jill Rosen, Unmissable for cat lovers: Simon's Cat. Blog Find a Pet del Baltimore Sun
  3. ^ Cat's Miaow. Claifornia Chronicle.com
  4. ^ Simon Tofield. Il Libraio.it
  5. ^ "Simon's Cat is revealed!". Your Cat magazine
  6. ^ British Animation Awards 2008 list of winners.. British Animation Awards
  7. ^ Animae Caribe's 2008 awards list. Animae Caribe
  8. ^ BBC2's Culture Show blog discussing the showing of 'TV Dinner'. BBC.co.uk
  9. ^ Tandem Films' blog entry reporting the showing of 'TV Dinner'. Random Tandem blog

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]