Simeone il Vecchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Simeone il Vecchio
Dipinto di Alexey Yegorov, 1830-40
Dipinto di Alexey Yegorov, 1830-40

Personaggio del Vangelo secondo Luca

Nascita I secolo a.C.
Morte I secolo d.C.
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Santuario principale Venezia, chiesa di San Simeone profeta.
Ricorrenza 8 ottobre e 3 febbraio
Patrono di Zara

Simeone il Vecchio, noto anche come San Simeone, era un ebreo, "uomo giusto e timorato di Dio", che compare fugacemente nel Vangelo secondo Luca (2,22-35).

Racconto evangelico[modifica | modifica sorgente]

Il Vangelo di Luca riporta che quando Gesù fu presentato al Tempio, i suoi genitori Giuseppe e Maria incontrarono Simeone. Secondo il vangelo, Simeone era un anziano a cui lo Spirito Santo aveva preannunziato che avrebbe visto il Messia. Simeone prese tra le braccia Gesù bambino e rese gloria a Dio con la preghiera tramandatasi come Nunc dimittis. Egli inoltre profetizzò a Maria la sua partecipazione alle vicende dolorose della vita del figlio Gesù.

Tradizione ortodossa[modifica | modifica sorgente]

Secondo la tradizione della Chiesa cristiana ortodossa Simeone era uno dei 70(72) traduttori della Septuaginta, testo di riferimento per quella Chiesa. La tradizione vuole che abbia esitato nel tradurre il passo di Isaia:

« "Il Signore vi darà un segno.
Ecco: la vergine concepirà e partorirà
un figlio, che chiamerà Emmanuele" »   (Isaia 7,14)

e che un angelo gli sia apparso dicendogli che non sarebbe morto fino a che non avesse visto il Messia nato da una vergine.

Se questa tradizione fosse vera, egli avrebbe avuto quasi trecento anni.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Arca del santo nella chiesa di San Simeone a Zara

Simeone è stato venerato come santo già nei primi secoli del cristianesimo. Le reliquie del santo furono trasferite dai Bizantini a Costantinopoli, ma assalendola i Veneziani guidati da Enrico Dandolo saccheggiarono la chiesa dove si trovavano le spoglie del santo. Le reliquie furono traslate in Venezia nella chiesa di San Simeone profeta. Esiste anche un'altra credenza. Secondo questa nel VI secolo le reliquie del Simeone furono portate a Costantinopoli e da lì nel 1243 furono portate a Zara. La città elesse Simeone come patrono. Esso è venerato come intercessore per le benedizioni ai bambini.

Feste collegate[modifica | modifica sorgente]

L'incontro di Simeone con la Sacra Famiglia è ricordato il 2 febbraio, nella festa della Candelora, nota anche come Presentazione di Gesù al Tempio, Incontro con il Signore, o Purificazione della Vergine.

Nel calendario ecclesiastico i santi sono spesso ricordati nell'anniversario della morte, e per questo la festa di Simeone è il 3 febbraio, giorno successivo al suo incontro con Gesù, giorno in cui secondo la tradizione sarebbe morto.

Simeone è venerato come santo dalla Chiesa cattolica romana, dalla Chiesa cristiana ortodossa, dalla Comunione anglicana e dalle Chiese Luterana. Le chiese ortodosse che utilizzano ancora il calendario giuliano, celebrano il Natale il 7 gennaio e di conseguenza la festa della Presentazione di Gesù al Tempio e quindi san Simeone risultano ritardate. Nella Chiesa cristiana ortodossa Simeone è venerato il 3 febbraio, insieme alla Profetessa Anna.

Le parole di Simeone: «Ora lascia, o Signore, che il tuo servo / vada in pace secondo la tua parola; / perché i miei occhi han visto la tua salvezza / preparata da te davanti a tutti i popoli, / luce per illuminare le genti / e gloria del tuo popolo Israele» (Luca 2, 29-32).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]